Ai contenuti

Prevenzione Personale

Prevenzione della patologia

Prevenzione e cura dei disturbi della terza età

Prevenzione e cura dei disturbi della terza età

 Per poter godere appieno delle grandi gioie che può dare la terza età è necessario prevenire, con un’alimentazione corretta, il movimento, l’astensione dal fumo e dai superalcolici, i disturbi che più frequentemente colpiscono questa età della vita. Quando i disturbi sono presenti si possono utilizzare, sotto controllo medico, rimedi naturali come algarroba, che aumenta la forza fisica; abuta grandifolia e alchornea castaneifolia, che contrastano il calo della libido; jatropha macrantha, che aumenta la potenza sessuale; equisetum, phosphorus, carduus marianus e lycopodium, che migliorano la capacità uditiva e l’acuità visiva; kiwicha, che potenzia la memoria; cantharis, causticum e sabal, che attenuano i disturbi vescicali; ammonium bromatum, carbo vegetabilis e cuprum, che migliorano la respirazione; chamomilla, lupulus e valeriana, che migliorano la qualità del sonno; bryonia, calcium phosphoricum, colchicum, colocynthis, dulcamara, ledum, rhus toxicodendron, solanum e spiraea per i dolori; cuprum, lyssinum e tarantula per i tremori; aurum, cactus e kalium carbonicum per le palpitazioni; fragaria vesca, vitis vinifera e nux vomica per la stipsi; aurum, hyoscyamus e kalium phosphoricum per l’ansia; aurum, ignatia e hypericum perforatum L. per la depressione.


La terza età è l’autunno della vita, una stagione meravigliosa che può dare grandi gioie. Dai 65 ai 75 anni i figli sono ormai indipendenti e, venuto meno l’assillo del guadagno, e si può finalmente pensare a sé stessi, a coltivare i propri hobbies e ad arricchirsi spiritualmente.

Per poter godere appieno di queste opportunità è però necessario prevenire o almeno attenuare i disturbi che più frequentemente colpiscono questa età della vita. La forza fisica diminuisce, si ha un calo della libido e della potenza sessuale, le capacità uditive e visive, così come la memoria e la tenuta della vescica, si riducono, mentre il peso può aumentare, la respirazione e la minzione farsi difficoltose, i disturbi del sonno, i dolori articolari, muscolari e ossei, i tremori e le palpitazioni, comparire o aggravarsi, l’intestino diventare sempre più pigro. Naturalmente tutto questo genera ansia e depressione.

La maggior parte di questi disturbi può essere prevenuta con un’alimentazione corretta, il movimento, l’astensione dal fumo e dai superalcolici. L’alimentazione deve essere personalizzata in base alle caratteristiche della persona, al suo gruppo sanguigno e alla sua storia. Il movimento aiuta la circolazione e il flusso dell’energia che mantiene in vita e in buona salute, e camminare è l’esercizio più utile, così come può essere indicato proseguire un’attività sportiva non agonistica già prima esercitata. Il controllo del peso, che si ottiene con un’alimentazione corretta, migliora la respirazione e riduce la fatica del cuore aumentando la forza fisica, il giusto movimento previene i dolori e permette sonni più riposati, l’astensione dal fumo e dai superalcolici migliora la potenza sessuale, l’acuità visiva e la capacità uditiva, rendendo, nello stesso tempo, più continente la vescica.

Se poi tutto questo non è sufficiente a star bene si possono utilizzare dei rimedi naturali.

  • L’algarroba (prosopis pallida peruana), ricca di vitamine (B1, B2, B6, C ed E), minerali  (Ca, Fe, K, Mg, Na) e acido glutamico, apporta energia aumentando la forza fisica.
  • L’abuta grandifolia e l’alchornea castaneifolia contrastano il calo della libido, mentre la jatropha macrantha aumenta la potenza sessuale.
  • La capacità uditiva e l’acuità visiva possono essere aiutate migliorando la funzionalità del rene e, rispettivamente, del fegato, con rimedi come equisetum hiemale, phosphorus, carduus marianus e lycopodium mentre
  • La memoria può essere potenziata dagli aminoacidi essenziali bilanciati e dall’alto contenuto in lisina della kiwicha (amaranthus caudatus peruano), che combatte anche l’aumento del colesterolo e dell’acido urico.
  • I disturbi vescicali come irritazione, difficoltà della minzione e ristagno, possono essere attenuati da rimedi contenenti cantharis, pareira brava, causticum hahnemanni e sabal serrulatum.
  • La respirazione può essere migliorata con rimedi a base di ammonium bromatum, carbo vegetabilis, cuprum sulfuricum e ignatia.
  • La qualità del sonno migliora con chamomilla, lupulus e valeriana.
  • Per i dolori articolari sono indicati bryonia, colchicum, solanum lycopersicum e nigrum, con, in caso di peggioramento col tempo umido o il movimento, dulcamara o, rispettivamente, rhus toxicodendron.
  • I dolori muscolari sono attenuati da colocynthis, gnaphalium polycephalum, ledum, pulsatilla e spiraea ulmaria.
  • I dolori ossei possono regredire con calcium phosphoricum, kalium jodatum e stillingia silvatica.
  • Per i tremori possono essere utili cuprum aceticum e sulphuricum, lyssinum e tarantula.
  • Le palpitazioni possono essere controllate da rimedi a base di aurum metallicum praeparatum, cactus, kalium carbonicum e  glonoin.
  • Per la stipsi sono indicati fragaria vesca, vitis vinifera e nux vomica. L’ansia può essere controllata con rimedi a base di aurum metallicum praeparatum, hyoscyamus niger e kalium phosphoricum.
  • Per la depressione sono indicati aurum metallicum praeparatum, ignatia e hypericum perforatum L.

La possibile interazione di questi rimedi con altri farmaci rende indispensabile il colloquio con il medico, una visita accurata e l’esecuzione di un minimo di esami.

 

 

 

 

Creato da:  Dott. Giuseppe Fariselli

Data pubblicazione:   18/04/12
Data di modifica:  12/04/12
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Giuseppe Fariselli

Oncologia

Ulteriori dettagliContattami

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.