Ai contenuti

Guida medica personale

Prevenzione del cancro e cura delle persone

Cancro prevenirlo, rinascere dopo la malattia, vivere sereni, 2° parte

Cancro prevenirlo, rinascere dopo la malattia, vivere sereni, 2° parte

 Cancro, 2° parte Le medicine naturali Fin dall’antichità classica si parla di una “vis medicatrix naturae”, una energia curatrice della natura. Le medicine naturali modulano la forza vitale dell’uomo con manipolazioni e agopuntura, e la potenziano con rimedi minerali, vegetali e animali. Tratterò, qui di seguito di: • Medicina energetica • Omeopatia • Omotossicologia • Neuralterapia • Medicina antroposofica • SAT-terapia • Omeomesoterapia Medicina energetica La medicina energetica è basata sull’energetica dei sistemi viventi. L’uomo è al centro dell’energia dell’universo, che lo attraversa e lo pervade sotto forma di una Grande Circolazione e di una Circolazione Difensiva, che passano attraverso i meridiani (12 principali, 8 straordinari o meravigliosi, 15 collaterali), diffusi in tutto il corpo, che mettono in comunicazione la parte superficiale del corpo con gli organi interni e permettono la circolazione energetica. Un blocco della circolazione energetica, una carenza o un eccesso di energia causano la malattia. Le funzioni dei meridiani sono: • collegamento • difesa • memoria • regolazione Lungo i meridiani sono disposti gli agopunti, la cui stimolazione aiuta, dirige e regolarizza la circolazione energetica. Gli agopunti più importanti sono quelli di comando e regolazione di organi, apparati e orto-parasimpatico. L’agopuntura può essere eseguita a secco con gli aghi trimetallici, oppure con il calore, la digitopressione, l’elettrostimolazione, il laser, la luce, l’iniezione di rimedi. La diagnosi si basa su anamnesi clinica ed energetica, osservazione del paziente, visita, analisi fisiche (elettroagopuntura). Omeopatia La storia dell’Omeopatia comincia con le idee e le scoperte del medico tedesco Samuel Hahnemann (1755-1843): • similia similibus curentur • diluizione e dinamizzazione • rimedio unico Si basa su: • anamnesi, che riguarda modalità di aggravamento e miglioramento, e temperamento • conoscenza dei rimedi • simillimum Omotossicologia L’omotossicologia (Dr. Hans-Heinrich Reckeweg, 1905-1985) è una branca moderna dell’omeopatia che studia e cura gli stati intossicatori legati alle molecole potenzialmente lesive per l’uomo e gli animali. La malattia è vista come espressione difensiva dell’organismo che, per mantenersi in vita, tenta di espellere e depositare nel connettivo le tossine, compensando i danni subiti. I principali contributi dell’omotossicologia sono: • il concetto di drenaggio degli emuntori e del connettivo • l’inquadramento delle malattie nella tavola dell’omotossicologia • i rimedi mirati low-dose (allopatici omeopatizzati, catalizzatori, composti, drenanti, homaccord, nosodi, organoterapici, rimedi unitari) La neuralterapia Introdotta nella pratica clinica dai fratelli medici Ferdinand e Walter Huneke nel 1925, consiste nella iniezione di procaina: • in una cicatrice • in un ganglio • loco-segmentale Le sue indicazioni sono tutte le malattie funzionali ed organiche. Sono controindicazioni: allergia alla procaina, disturbi di conduzione, infiammazioni, insufficienza cardiaca, epatica o renale, terapie anticoagulanti. Medicina antroposofica È un ampliamento dell’arte medica sviluppato a partire dal 1920 da Rudolf Steiner, in collaborazione con la Dott.ssa Ita Wegman. Nell’uomo, accanto alla dimensione corporea minerale e a quella psichica sensibile animale, esistono un corpo vitale vegetale e il nucleo spirituale dell’Io. Le malattie originano da uno squilibrio fra le forze del sistema neuro-sensoriale e quelle del sistema del ricambio e delle membra. Se prevalgono le forze del sistema del ricambio e delle membra, che sta a fondamento del volere, si avranno malattie infiammatorie acute, spesso febbrili, se prevalgono quelle del sistema neuro-sensoriale, che sta a fondamento del pensare, si avranno malattie degenerative, sclerotizzanti e tumorali. Il sistema ritmico, cardio-circolatorio e respiratorio, che sta a fondamento del sentire, ha una funzione centrale, riequilibratrice, e crea salute all’interno dell’uomo. I rimedi, in genere di tipo omeopatico e che traggono origine dai 3 regni della natura, vengono prescritti per la loro affinità all’organo e alla persona. Sono caratteristiche della medicina antroposofica: • balneoterapia • euritmia • massaggio ritmico • terapia artistica SAT-terapia La Sero-omeoterapia Anti-Tessutale è costituita da rimedi in DH4, modulanti, organo e tessuto specifici, derivati dai sieri elaborati negli anni ’50 dal medico francese Jean Thomas. Si tratta di seroproteine A prodotte da cavalli dopo iniezione di tessuto embrionario di maiale. I suoi campi di applicazione sono: • patologie degenerative degli apparati cardiocircolatorio, digerente e locomotore • patologie autoimmuni • patologie iatrogene • patologie infiammatorie cronico-recidivanti dei sistemi nervoso e neurovegetativo • tumori La SAT-terapia in oncologia prevede, in genere: • 1 seduta mensile • una terapia domiciliare di 3 settimane La durata minima dei trattamenti è 6 mesi. I rimedi maggiormente utilizzati sono: • organi emuntori • simpatico totale • sistema reticolo-endoteliale E’ utile anche in prevenzione. Omeomesoterapia È un atto medico che cura la persona, e consiste nella visita del paziente seguita da microiniezioni sottocutanee di rimedi specifici in specifici punti di agopuntura. La visita comprende: • Anamnesi • Visita medica L’anamnesi comprende: • Anamnesi fisiologica • Anamnesi patologica • Anamnesi energetica La visita medica è completa. Si tratta di una mesoterapia a base di rimedi diluiti e dinamizzati che vengono iniettati nei punti di comando dell’agopuntura, che ha, rispetto alla mesoterapia tradizionale, molti vantaggi: • assenza di reazioni allergiche e di effetti collaterali • possibilità di: ① iniettare rimedi omeopatici specifici in specifici punti di agopuntura ② curare contemporaneamente patologie diverse ③ eseguire le sedute anche in gravidanza ④ eseguire terapie preventive ⑤ trattare persone alle quali è stato appena diagnosticato un tumore ⑥ trattarle durante i trattamenti convenzionali ⑦ al termine dei trattamenti convenzionali ⑧ in caso di recidive locali ⑨ di metastasi Non solo la terapia è importante, sono fondamentali, da parte del medico, ascolto, gentilezza e partecipazione, che aiutano a capire e accettare la malattia, e ridestano risorse interne che possono guarire. Ed ecco i miei consigli personali: • dobbiamo essere generosi: la vita è troppo breve e l’egoismo non paga • giocare: è il segreto per restare giovani • leggere: è il segreto per la sapienza • pensare: è la base della libertà • ridere: è la musica dell’anima • sognare: ci avvicina alle stelle • avere venerazione di una persona: è l’inizio del cammino di conoscenza • guardare dentro noi stessi, riconosce e accettare l’origine della nostra malattia, cambiare la nostra vita: solo così possiamo rinascere e vivere sereni


Creato da:  Dott. Giuseppe Fariselli

Data pubblicazione:   27/06/15
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Giuseppe Fariselli

Oncologia

Ulteriori dettagliContattami

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.