Ai contenuti

La terapia del dolore

La terapia Farmacologica

Prendo farmaci antidolorifici per i miei reumatismi

Prendo farmaci antidolorifici per i miei reumatismi

Gli antidolorifici sono farmaci che riducono il dolore provocato dalle malattie reumatiche. Essi presentano regole di utilizzo precise.


Come agiscono gli antidolorifici?

I farmaci antidolorifici (o analgesici) sono utilizzati nelle malattie reumatiche per ridurre l'intensità del dolore.

Alcuni agiscono direttamente sulla sede del dolore, ossia a livello dell'articolazione: si tratta degli analgesici periferici. Alcuni antinfiammatori a basso dosaggio vengono utilizzati come antidolorifici. Tuttavia, a dosaggi più elevati, questi provocano gli stessi effetti secondari dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei).

Altri farmaci agiscono sulla percezione del dolore a livello cerebrale: si tratta degli analgesici centrali, che  hanno un effetto più potente contro il dolore.

Come devo assumere i miei antidolorifici?

La prima cosa da sapere è che non bisogna aspettare la comparsa del dolore per prendere il proprio farmaco antalgico. Nel migliore dei casi, infatti, si sentirà dolore inutilmente prima che il farmaco faccia effetto.

Nel peggiore dei casi, invece, il dolore sarà più difficile da alleviare. Se possibile, quindi, bisogna anticipare la comparsa del dolore.

Se il dolore è costante, l'analgesicoco deve essere assunto a più riprese nella giornata, rispettando gli intervalli regolari tra ciascuna assunzione in modo da impedire la ricomparsa del dolore.

Se, invece, il dolore compare solamente in alcuni momenti della giornata (al risveglio, quando ci si sposta...), è necessario anticiparne la comparsa e prendere l'antidolorifico circa 1 ora prima.

Posso associare 2 antidolorifici?

Non deve mai associare 2 antalgici di Sua iniziativa.

Questi farmaci possono provocare reazioni impreviste che potrebbero rivelarsi dannose.

Deve sempre consultare prima il Suo medico.

Quali sono gli effetti indesiderati degli antalgici?

Gli analgesici possono provocare, tra le altre cose, allergie, mal di stomaco, o addirittura danni al fegato. Sebbene la maggior parte degli analgesici siano farmaci da banco, non bisogna assolutamente aumentare di propria iniziativa la dose prescritta.

Gli analgesici centrali possono provocare sonnolenza, vertigini, costipazione o addirittura nausea. Se questi fenomeni persistono per più di una settimana, ne parli con il Suo medico durante la prossima visita.

Perché a volte è necessario cambiare l'antidolorifico?

Quando l'effetto dell'analgesico non è più sufficiente è necessario cambiarlo. In questi casi vengono prescritti analgesici che agiscono su meccanismi del dolore diversi, oppure farmaci più potenti.

In ogni caso, non bisogna mai cambiare l'analgesico prima di aver consultato il proprio medico.

È molto importante rispettare la dose e la frequenza delle assunzioni raccomandate.

Ogni analgesico risponde a regole di utilizzo proprie, in base al tipo di dolore e allo stato di salute del paziente

Alcuni analgesici provocano sonnolenza. Faccia attenzione se deve guidare un veicolo o lavorare su una macchina.

Gli antidolorifici sono farmaci che rispondono a regole di utilizzo precise.

Non bisogna mai cambiare la dose o la frequenza prescritta senza il parere del medico. Nei limiti del possibile, questi farmaci vanno assunti prima della comparsa del dolore.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia)". Traduzione e revisione a cura del Dott. Emilio Romanini.

Data pubblicazione:   30/04/10
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Marco La Grua

Master in Terapia del Dolore

Ulteriori dettagliContattami

Documenti correlati

Prendo farmaci antinfiammatori per i miei reumatismi
Prendo farmaci antinfiammatori per i miei reumatismi
Gli antinfiammatori sono medicinali largamente prescritti per il trattamento delle malattie reumatiche. Sono efficaci contro il dolore e migliorano i movimenti delle articolazioni.
Leggi
Testo
Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.