Ai contenuti

Guida medica personale

I trattamenti

In caso di trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, è necessario monitorare la tiroide.

In caso di trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, è necessario monitorare la tiroide.

L'amiodarone è un farmaco che contiene molto iodio, ampiamente prescritto per le malattie cardiache e che può modificare il funzionamento della tiroide.


Che rapporto c'è tra la terapia cardiaca e la tiroide?

Il fatto che si assume l’amiodarone. Si tratta di un farmaco molto utile nel trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco.
Tuttavia, tale farmaco contiene grandi quantità di iodio e può, per tale ragione, alterare la produzione di ormoni tiroidei e provocare un ipotiroidismo o un ipertiroidismo.
L’ipotiroidismo sopravviene, in genere, nei mesi successivi all'inizio del trattamento, mentre l'ipertiroidismo può insorgere perfino dopo svariati anni di terapia.

Quale monitoraggio della tiroide è necessario in caso di terapia con amiodarone?

Il monitoraggio si basa esclusivamente sul dosaggio regolare e sistematico del TSH (abbreviazione di Thyroid Stimulating Hormone; tale ormone stimola, con la propria presenza, il funzionamento della tiroide): al momento della prescrizione, ogni 3 mesi circa durante il primo anno di terapia, poi tutti gli anni. Ciò permette di rilevare precocemente un eventuale malfunzionamento della tiroide e di evitare qualsiasi problema.
Il TSH deve anche essere dosato in caso di sintomi che indicano il malfunzionamento della tiroide.

Seguo un trattamento con amiodarone e mi è stato diagnosticato un ipertiroidismo: è necessario interrompere la terapia?

Sì, perché l'ipertiroidismo è pericoloso per il cuore. Ma non c'è urgenza: non si deve mai modificare una prescrizione medica senza averne parlato prima con il medico o il cardiologo.
Malgrado la sospensione dell'amiodarone, si renderà forse necessaria una terapia contro l'ipertiroidismo, poiché quest'ultimo potrebbe impiegare molto tempo a scomparire.

In caso d'ipotiroidismo, è necessario sospendere l'amiodarone?

No. L'ipotiroidismo non è una malattia grave e può essere facilmente compensato con piccole dosi di ormoni tiroidei.
È preferibile dare la priorità al trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco con l'amiodarone e trattare l'ipotiroidismo senza interrompere l'assunzione dell'amiodarone.

La terapia con amiodarone è importante: tiene sotto controllo i disturbi del ritmo cardiaco e protegge il cuore. L'amiodarone determina un rischio di malfunzionamento della tiroide, ma esso può tuttavia essere prevenuto grazie al monitoraggio sistematico e a una terapia adatta .

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia)". Traduzione e revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.

Data pubblicazione:   24/03/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Silvestro Canzano

Endocrinologia

Ulteriori dettagliContattami



Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.