Ai contenuti

Consigli pratici

Alimentazione

DIABETE: INFORMARSI SULLE CONSEGUENZE DI UN'IPOGLICEMIA

DIABETE: INFORMARSI SULLE CONSEGUENZE DI UN'IPOGLICEMIA

L'ipoglicemia non è una malattia, bensì una carenza di zuccheri nel sangue. Si tratta di un problema frequente nei pazienti diabetici che assumono insulina o altri farmaci. Non occorre sopravvalutare né tanto meno trascurare il problema.


Cos'è l'ipoglicemia?

L'ipoglicemia corrisponde ad un brusco calo degli zuccheri presenti nel sangue (al di sotto di 0,60 g/l). Lo zucchero è indispensabile alla vita. Serve infatti a nutrire le cellule del nostro corpo. Si tratta, inoltre, del principale "nutrimento" del nostro cervello. Qualsiasi ipoglicemia non deve quindi protrarsi a lungo.

Anche chi non è diabetico corre questo rischio?

Ognuno di noi può entrare in ipoglicemia, ma naturalmente i diabetici sono esposti a un rischio maggiore rispetto ai non diabetici a causa del trattamento cui sono sottoposti: insulina e sulfamidici ipoglicemizzanti.

Quali sono i sintomi dell'ipoglicemia?

Tutto ha inizio con tremori e con un'abbondante sudorazione. Quindi è la volta delle palpitazioni. Chi ci circonda ci vede sbiancare. Siamo affamati. Talvolta nervosi. Giunti a questo stadio, specie se si è diabetici, occorre assumere immediatamente degli zuccheri o bere una bevanda zuccherata e interrompere qualsiasi sforzo fisico, per evitare un aggravamento della situazione. Una volta assunti gli zuccheri, occorre controllare il tasso glicemico presente nel sangue.

E in assenza di zuccheri?

Il cervello non potrà che manifestare un fabbisogno di zuccheri. I sintomi sono variabili: mal di testa, affaticamento, formicolio alle mani, vista doppia o difficoltà visive, senso di smarrimento e capogiri... a questo punto, occorre necessariamente "rizuccherare" l'organismo. È possibile chiedere cibi zuccherini ai propri colleghi e se si è diabetici, meglio tenerne qualcuno sempre a portata di mano.
Nel peggiore dei casi, si può perdere conoscenza (coma) e avere le convulsioni. Questa temporanea perdita di conoscenza impressiona più di quanto non sia grave. Attenzione, i colleghi non devono tentare di far ingerire cibi o bevande al soggetto privo di conoscenza, in quanto quest'ultimo potrebbe soffocare.

Che quantitativo di zucchero occorre ingerire in caso d'ipoglicemia?

Tre zollette di zucchero sono sufficienti. Succhi di frutta, miele o marmellata possono rappresentare un valido surrogato. Dopo l'assunzione degli zuccheri, l'organismo ripristina lentamente le sue normali funzioni. Non occorre preoccuparsi se i sintomi persistono per una decina di minuti dall'assunzione. Gli zuccheri ingeriti devono avere il tempo di circolare nel sangue. I diabetici dovranno controllare il loro tasso glicemico trascorsi 30 minuti. È bene sapere che una netta ipoglicemia viene di norma seguita da un'iperglicemia compensatoria.

I diabetici possono prevenire le ipoglicemie?

È pressoché impossibile prevenire totalmente l'ipoglicemia, specie se si assume l'insulina. Viceversa, è importante individuarne, ogni volta, la causa onde evitare che la situazione si ripeta. Ecco alcune condizioni che possono essere all'origine dell'ipoglicemia:

  • L'apporto di zuccheri assunto durante l'ultimo pasto non era sufficiente.
  • Sono passate le 13 e non si è ancora pranzato.
  • Si è praticata un'attività sportiva, ma la dose d'insulina assunta non era proporzionale allo sforzo fisico.
  • Le dosi di farmaco assunto non erano quelle corrette.

Un consiglio: è bene annotare in un diario le proprie ipoglicemie e le relative cause, laddove si ritenga di averle correttamente identificate... Sarà così più semplice discuterne nel corso di una visita.

I diabetici sottoposti a insulina o sulfamidici ipoglicemizzanti devono sempre avere degli zuccheri a portata di mano e assumerli fin dai primi sintomi di ipoglicemia. È bene non sopravvalutare le ipoglicemie, ma nemmeno trascurarle. È consigliabile parlarne con il medico.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione a cura del Dott. Fabio Pilato. Ultima revisione Dicembre 2010.

Data pubblicazione:   24/03/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Silvestro Canzano

Endocrinologia

Ulteriori dettagliContattami

Documenti correlati

QUALE REGIME DIETETICO SCEGLIERE PER TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE
QUALE REGIME DIETETICO SCEGLIERE PER TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE
Il regime dietetico ideale deve consentire al malato di non ingrassare pur apportando un tasso zuccherino normale nel sangue. Non si tratta di mutare radicalmente le proprie abitudini alimentari, bensì di modificarlo gradualmente. Alcune semplici regole possono semplificare questa transizione senza dover necessariamente rinunciare ai piaceri della tavola.
Leggi
Testo
Rischio diabete
Rischio diabete
Il test si basa sulle conoscenze dei diversi fattori che influenzano lo sviluppo del diabete. Modificando le proprie abitudini è possibile cambiare alcuni di questi fattori.
Leggi
Calcolatore stato di salute
COME TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE SUL POSTO DI LAVORO?
COME TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE SUL POSTO DI LAVORO?
Soffrire di diabete non significa essere affetti da un handicap sistematico che inabilita al lavoro. La gestione del diabete sul posto di lavoro dipende dalla mansione lavorativa svolta. Il medico del lavoro riveste un ruolo essenziale in sede di valutazione delle condizioni di lavoro, e ove possibile, nel loro adeguamento per una corretta gestione quotidiana del diabete.
Leggi
Testo


Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.