Ai contenuti
Sei in:  Home page

Live Clean and Green...

State visitando il sito web del Dr. Canzano Silvestro , Specialista in Endocrinologia, Medicina Funzionale Nutrizionale. Questo sito web fornisce le informazioni sulla mia attività come, ad esempio, gli orari di visita e i numeri di telefono per le emergenze. Potete trovare, inoltre, informazioni su temi relativi alla salute.

  • Selenio e tiroiditi autoimmuni

     

     Il selenio è un oligoelemento importante nella formazione di un enzima:  la 5' desiodasi che catalizza la conversione dell'ormone tiroideo T4  a T3, che rappresenta l'ormone biologicamente attivo nel nostro organismo.

    Il selenio si è dimostrato utile nelle tiroiditi autoimmunitarie come riportato in due studi  (SELENIUM IN THE TREATMENT OF AUTOIMMUNE THYROIDITIS" Gartner R., Gasnier BC) e (SELENIUM TREATMENT IN AUTOIMMUNE THYROIDITIS: 9 MONTH FOLLOW-UP WITH VARIABLE DOSES" Turkey O, Kumanglioglu, Karapolat, Dogan) in cui pz. trattati con 200 mcg  di selenio per tre mesi hanno avuto una riduzione marcata degli anticorpi antiperossidasi che sono i responsabili della tiroidite di Hashimoto.

    Anche un lavoro italiano di Marcocci, Bartalena ed altri pubblicato su N Engl J Med  nel 2011 ha dimostrato che pazienti con Morbo di basedow e con oftalmopatia basedowiana di grado lieve hanno avuto un significativo miglioramento del quadro clinico oftalmico dopo sei mesi di trattamento con 200 mcg di selenio.

    In commercio ci sono vari prodotti farmaceutici a base di selenio, ma è opportuno ricordare che molti alimenti contengono buone quantità di selenio e sono da preferire : le noci brasiliane, il tonno in scatola,i cereali , i pesci, i frutti di mare, in particolare  le ostriche, le  uova, il lievito di birra,i broccoli, i cavoli,  i cetrioli, i ravanelli, l' aglio e le cipolle.

  • La Borragine

     La Borragine  è considerata una pianta annuale che produce fiori che sono di un blu vivace (o rosa) con foglie spinose. E' comunemente conosciuta come una pianta infestante ed è facilmente coltivata in giardini. La borragine è una pianta che coltivata insieme a fragole e pomodori, scoraggia l'attacco dei parassiti. Nei climi miti fiorirà tutto l'anno. Sia la pianta che i semi sono ricchi di GLA (acido gamma-linoleico), che aiuta a lenire l'infiammazione. E' usata come alimento (come gli spinaci) in ravioli (Liguria) e come il basilico (in pesto) per fare una "salsa verde" chiamato Grüne Soße in Germania. Le foglie di borragine hanno il sapore simile al cetriolo , e conferisce un tocco unico di sapore ai piatti di insalate e zuppe.

    Proprietà curative:

    • Ormono-riequilibrante: per Sindrome pre-mestruale, vampate di calore, menopausa.
    • Anti-infiammatorio: malattie della pelle (eczema, secchezza / prurito della pelle, la psoriasi)
    • Prevenzione del cancro: borragine è stato segnalata per prevenire il cancro alla prostata e ridurre la crescita tumorale.
    • Circolazione: borragine è un anticoagulante, e può essere utilizzato per ridurre il rischio di pressione alta. Si riduce anche l'accumulo di "placca" arteriosa, che è comune nella malattia cardiovascolare.
    • Altro:  l' olio di Borragine può anche migliorare la depressione, lo stress e l'artrite reumatica.
  • Vuoi dimagrire? Arance rosse !

     Le arance rosse possono aiutare a dimagrire.

     
     
     

    Uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano ha dimostrato che il succo di arance rosse qualità Moro somministrato ad un gruppo di topi nutrito a base di spremute e da una dieta ricca di grassi, inibisce l'accumulo di grassi di deposito e l'aumento di peso. Pare che  le arance rosse rispetto alle arance a polpa gialla inibiscano l'accumulo di trigliceridi nelle cellule adipose. Inoltre contengono un più elevato contenuto di vit. C, flavonoidi ed antociani rispetto alle arance "bionde".

    L'uomo necessita di 2-3 arance rosse al dì per ottenere risultati.

    Nell'ambito di una dieta bilanciata  possono essere l'ideale come spuntino !!!

  • Dieta, attività fisica e steatosi epatica

    Per steatosi epatica si intende un accumulo di grasso (trigliceridi) nelle cellule epatiche.


    La causa principale è rappresentata dall'aumento di peso corporeo; altre possibili cause sono: il diabete, l'insulino resistenza, l'ipotiroidismo, il by-pass ileo-digiunale e la malnutrizione.

    La steatosi è reversibile e la cura principale è rappresentata da una corretta alimentazione e da un'attività fisica regolare come riportato da un recente studio su Current Opinion in Lipidology - 2011. E' importante curarla in quanto essa può condurre alla steatoepatite e poi alla fibrosi epatica con gravi conseguenze.


    L'alimentazione si basa sull'eliminazione totale dell'alcool e degli alimenti ricchi di grassi e zuccheri semplici: latte intero, panna, burro, formaggi grassi, salumi, fritture ecc. e un introito moderato di pasta integrale, pane integrale, riso integrale, frutta secca e semi oleosi.

  • Test per deficit funzionale della tiroide

    ( rispondere positivamente a più di 8 domande può far sospettare

    problemi alla tiroide)

    1)      Assottigliamento delle sopracciglia nella parte terminale

    2)      Sensibilità al freddo

    3)      Mani e piedi freddi

    4)      Capelli più sottili o aumento della perdita

    5)      Pelle ed unghie ispessite

    6)      Pelle secca

    7)      Fatica muscolare, dolore alle articolazioni

    8)      Mestruazioni abbondanti (per le donne)

    9)      Stanchezza cronica maggiormente al mattino

    10)   Riduzione della memoria e della concentrazione

    11)   Ritenzione idrica ( gonfiore mani, piedi ed occhi al mattino)

    12)   Difficoltà a perdere peso o recente aumento di peso

    13)   Stitichezza

    14)   Depresso o apatico

    15)   Pressione bassa e/o battito cardiaco lento

    16)   Consumo eccessivo di tonno, sushi o presenza di otturazioni dentali di piombo

    17)   Già ammalato di malattie autoimmuni ( artrite reumatoide, allergie, celiachia ecc.)

    18)   Sottoposta a trattamenti con radiazioni

    19)   Consumo abituale di acqua ricche di cloro o fluoro

    20)   Familiarità per problemi tiroidei

    21)   Esposizione a tossici ambientali o vivere in una zona ad alto inquinamento

    22)   Sensibilità al glutine o affetta da celiachia

  • High-intensity interval training

    Allenamento ad intervalli ad alta intensità

    Vuoi fare attività fisica ma hai poco tempo? Vuoi dimagrire e tonificarti con un'attività fisica di breve durata?

    La risposta è l'HIIT !!

    Prevede sedute di massimo 15 minuti per tre volte a settimana. A differenza dei normali programmi di allenamento aerobico è caratterizzato da un’intensità elevata. Può essere praticata da tutti dopo un controllo medico-cardiologico.

    Si può utilizzare il tapis roulant, cyclette o correre all’aria aperta.

    In pratica

     la prima settimana  con il tapis roulant:

    3 minuti di riscaldamento a velocità normale ( tappeto a 4 km/ora )

    Poi si intervalla con :

    30 secondi ad alta velocità ( tappeto a  7 km. / ora) 

    30 secondi a velocità normale  ( tappeto a  4 km. / ora)  per 4 volte (4 minuti)

    Si conclude con:

    3 minuti di defaticamento a velocità normale ( tappeto a  4  km. / ora)

    Dalla seconda settimana si aumenta di 1 minuto a sessione fino ad un massimo di 10 minuti, per cui dopo sei settimane si praticano 3 min. di riscaldamento a 4 km/ora, poi 10 minuti intervallati tra 4 e 7 km/ora ogni 30 secondi e si conclude con 3 minuti di defaticamento a 4 km./ora.

    Questo tipo di attività fisica produce un aumento del metabolismo dei grassi ed del dispendio calorico dopo l'attività fisica, aumenta, inoltre l'ormone della crescita GH che ipertrofizza i muscoli e riduce il grasso corporeo.

  • Dormi che....dimagrisci !!

    Dormire 7 - 8  ore a notte aiuta a dimagrire

    La ricerca scientifica - Università di Tubinga e di Lubecca (Germania) - ha dimostrato che è ottimale dormire almeno sette ore per notte. Una privazione del sonno provoca un innalzamento dei livelli di grelina, un ormone che stimola il centro della fame nel cervello mentre d'altra parte riduce quelli della leptina, ormone della sazietà. Chi dorme poco ha un aumento della fame e del desiderio di consumare alimenti ad elevata densità calorica e ricchi di zuccheri.

  • Test per le intolleranze alimentari

    Le allergie sono causate da reazioni immunitarie esagerate. Allergie alimentari classiche sono mediate da sostanze chiamate immunoglobuline (immunoglobuline E soprattutto, o IgE). Quando una proteina alimentare si lega alle IgE, una serie di eventi vengono attivati, compreso il rilascio di sostanze come istamina e mediatori infiammatori. Questi mediatori causano costrizione dei vasi sanguigni, e varie altre reazioni a livello cutaneo, provocando sintomi abbastanza tipici di un'allergia alimentare classica , quali : prurito della pelle, seguita da orticaria , gonfiore del labbra e della bocca, ecc . l'istamina è responsabile di molti dei sintomi che si verificano come parte di una reazione allergica (basti pensare, che quando si soffre di allergie, si prendono farmaci antistaminici). Come vengono diagnosticate allergie? I due test più comuni : Prick test e il RAST (test radio-allergosorbent) .
    L'intolleranza alimentare, invece, si riferisce a sintomi causati da una incapacità del sistema digestivo a digerire correttamente un alimento particolare, causando irritazione. Questo particolare tipo di intolleranza non è causato dal sistema immunitario. Il classico esempio di intolleranza alimentare è l'intolleranza al lattosio, che è causata da una carenza dell'enzima lattasi, che digerisce il lattosio (zucchero del latte). Quando qualcuno soffre di una particolare intolleranza, allora la quantità di cibo consumato si correla alla gravità dei sintomi. Ad esempio, una persona intollerante al lattosio che beve solo una piccola quantità di latte potrebbe avere sintomi o, eventualmente, alcuni sintomi lievi, mentre una persona con una allergia classica al latte che beve la stessa piccola quantità di latte potrebbe teoricamente avere una reazione anafilattica , molto pericolosa.
    Le intolleranze alimentari sono mediate da una classe di immunoglobuline chiamate IgG.
    Le IgG aumentano lentamente e persistono elevate nel sangue per circa tre settimane, contro 1-2 giorni delle IgE (Kindt et al., 2007). Pertanto, occorrono tra le 3-6 settimane per normalizzare i livelli di IgG elevati in seguito all'esposizione ad un alimento a cui si è intolleranti.
    Il test eseguito presso il Centro Salute & Benessere si basa sulla ricerca delle immunoglobuline IgG4 specifiche per gruppi omogenei di alimenti con metodica ELISA. Test accurato, sicuro, scientificamente validato.
    Viene eseguito pungendo il polpastrello ed aspirando con una microcannula una goccia di sangue.
    Le indicazioni per il test di sensibilità alimentare possono includere:
    • disordini del peso corporeo sia in difetto che in eccesso
    • condizioni gastrointestinali come pancia gonfia, la sindrome dell'intestino irritabile (IBS), malattia infiammatoria cronica intestinale (MICI);
    • Emicrania
    • Artrite
    • condizioni atopiche come asma ed eczema;
    • Disturbi dell'umore;
    • Eczemi, pelle secca, orticaria
    • sinusite cronica;
    • Fibromialgia; stanchezza
    • Fatica;

Ulteriori informazioni su...

  • Cannella e diabete

    Cannella e diabete

    Con l'aiuto di alcuni alimenti e spezie possiamo migliorare la nostra salute.  
    Leggi

    Testo
  • Viaggio con il diabete

    Viaggio con il diabete

    Il diabete non deve rappresentare un ostacolo per i suoi viaggi. Esso richiede tuttavia un'organizzazione rigorosa al fine di conservare al meglio la sua salute.
    Leggi

    Testo
  • In caso di trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, è necessario monitorare la tiroide.

    In caso di trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, è necessario monitorare la tiroide.

    L'amiodarone è un farmaco che contiene molto iodio, ampiamente prescritto per le malattie cardiache e che può modificare il funzionamento della tiroide.
    Leggi

    Testo
  • Cucino con meno grassi

    Cucino con meno grassi

    Alcune informazioni
    Leggi

    Testo
  • Un possible attacco ischemico transitorio: Agire d'urgenza

    Un possible attacco ischemico transitorio: Agire d'urgenza

    L'attacco ischemico transitorio (TIA) è un disturbo neurologico caratterizzato da un deficit localizzato, improvviso e passeggero: i sintomi scompaiono in meno di un'ora senza lasciare postumi o lesioni cerebrali. Tuttavia, il TIA richiede una presa in carico tempestiva da parte del medico.
    Leggi

    Testo
  • Ho osservato un possibile segno precursore della malattia alzheimer

    Ho osservato un possibile segno precursore della malattia alzheimer

    Inizialmente, il malato non ha disturbi e non si rende conto di nulla. I sintomi iniziali del malattia di Alzheimer sono più spesso osservabili dai familiari del malato piuttosto che dal medico.
    Leggi

    Testo
  • Emicranie e ciclo ormonale

    Emicranie e ciclo ormonale

    L'emicrania colpisce per i due terzi le donne. Le variazioni ormonali femminili sono tra le cause dell'emicrania.
    Leggi

    Testo
  • Che cosa fare in caso di orticaria

    Che cosa fare in caso di orticaria

    L'orticaria è una malattia della pelle. E' molto frequente e le cause possono essere molteplici, ma nella maggior parte dei casi sono di origine allergica.
    Leggi

    Testo
  • DIABETE: INFORMARSI SULLE CONSEGUENZE DI UN'IPOGLICEMIA

    DIABETE: INFORMARSI SULLE CONSEGUENZE DI UN'IPOGLICEMIA

    L'ipoglicemia non è una malattia, bensì una carenza di zuccheri nel sangue. Si tratta di un problema frequente nei pazienti diabetici che assumono insulina o altri farmaci. Non occorre sopravvalutare né tanto meno trascurare il problema.
    Leggi

    Testo
  • Sono diabetico: cosa posso mangiare al ristorante o al bar

    Sono diabetico: cosa posso mangiare al ristorante o al bar

    Curare il diabete significa adottare quotidianamente un'igiene alimentare rivolta a controllare l'eccesso di zucchero nel sangue (o glicemia) . Pertanto è necessario alimentarsi adeguatamente, ma in quantità moderata, a casa propria come al ristorante o in mensa.
    Leggi

    Testo
  • COME TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE SUL POSTO DI LAVORO?

    COME TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE SUL POSTO DI LAVORO?

    Soffrire di diabete non significa essere affetti da un handicap sistematico che inabilita al lavoro. La gestione del diabete sul posto di lavoro dipende dalla mansione lavorativa svolta. Il medico del lavoro riveste un ruolo essenziale in sede di valutazione delle condizioni di lavoro, e ove possibile, nel loro adeguamento per una corretta gestione quotidiana del diabete.
    Leggi

    Testo
  • Diabete di tipo 2

     Diabete di tipo 2

    Il diabete di tipo 2 (un tempo denominato diabete grasso) è una malattia molto frequente in tutto il mondo. È potenzialmente grave, per via delle sue complicazioni arteriose che riguardano sia le piccole che le grandi arterie e che minacciano reni, occhi, nervi e cuore.
    Leggi

    Testo
  • Attivi per combattere l’ipertensione

    Attivi per combattere l’ipertensione

    Uno stile di vita sano contribuisce a ridurre la pressione arteriosa e i rischi di malattie cardiache. Pertanto, è importante, fra le altre cose, rinunciare alla nicotina, modificare l’alimentazione, ridurre lo stress e praticare più sport.
    Leggi

    Testo
  • Quali esami sono utili per la mia tiroide?

    Quali esami sono utili per la mia tiroide?

    La palpazione è la base dell'esame della tiroide. Quest'ultima è palpabile solo in caso di disfunzione. La tiroide è una piccola ghiandola mobile situata alla base del collo. Quando è palpabile, la si sente risalire nel momento in cui si ingoia la saliva (operazione nota come deglutizione). La palpazione fornisce informazioni precise sulla consistenza (dura o no), la sensibilità (dolorosa o no), i contorni (regolari o no), la presenza di noduli (grumi o no). La stessa consente di esaminare molto semplicemente un gran numero di malattie della tiroide, come il gozzo, che corrisponde ad un aumento del volume della tiroide, o la presenza di noduli.
    Leggi

    Testo
  • QUALE REGIME DIETETICO SCEGLIERE PER TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE

    QUALE REGIME DIETETICO SCEGLIERE PER TENERE SOTTO CONTROLLO IL DIABETE

    Il regime dietetico ideale deve consentire al malato di non ingrassare pur apportando un tasso zuccherino normale nel sangue. Non si tratta di mutare radicalmente le proprie abitudini alimentari, bensì di modificarlo gradualmente. Alcune semplici regole possono semplificare questa transizione senza dover necessariamente rinunciare ai piaceri della tavola.
    Leggi

    Testo

Informazioni sullo studio

Dott. Silvestro Canzano

Endocrinologia

Ulteriori dettagliContattami

Indirizzo struttura

Centro Salute & Benessere
C.so I Ottobre,83
Maddaloni
81024 Caserta

Tel.:  0823432191


Parcheggi nelle vicinanze
come raggiungerci

Centro Marconi Due
via Guelfa,9
Bologna
40138 Bologna

Tel.:  051 69 20 606

Orari di apertura:

Lunedì - Venerdì ore 8,30 - 19

Sabato ore 9-12



Parcheggi nelle vicinanze

Si riceve per appuntamento.


come raggiungerci

3C+A Centro di Fisioterapia
via Dei Monti di Primavalle,151
Roma
00168 RM

Tel.:  066144916

Orari di apertura:

Lunedì - Venerdì ore 8-20


Si riceve per appuntamento


come raggiungerci

CENTRO SALUTE & BENESSERE
C.so I Ottobre,83
Maddaloni
81024 CE

Tel.:  0823432191

Orari di apertura:

Lunedi  - Venerdi ore 9 -13 ;  15,30 - 20

centrosaluteebenessere.com



Parcheggi nelle vicinanze

Studio medico polispecialistico 

Dr. Canzano  S. -  Dr. Lombardi  R.

Endocrinologia

Dietologia - Nutrizione Clinica

Medicina Estetica


come raggiungerci


CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE (CUP)

   

 

    


Cosa c'è in giro ?

Attualmente a Maddaloni, ma penso in tutta Italia, ci sono due virus parainfluenzali che in genere anticipano quello influenzale vero e proprio .

Il primo con tropismo per le vie aeree superiori e sintomi rappresentati da : rinite, lieve febbricola, stato di stanchezza e dolori diffusi lievi. E' possibile curarsi con paracetamolo e spray nasali, se i sintomi peggiorano rivolgersi al medico.

Il secondo virus parainfluenzale ha un tropismo gastro-intestinale con nausea, vomito, dolori addominale e lieve febbricola. Per la terapia è preferibile rivolgersi al proprio medico.



Acqua e Sovrappeso

 

Da una ricerca della Virginia Tech di Blacksburg di Boston (USA) è emerso che bere due bicchieri d'acqua prima di pranzo e cena aiuta a perdere 2,2 kg. di peso nel giro di tre mesi. L'acqua oltre a migliorare la digestione ed il tempo di transito intestinale, produce un aumento dell'assorbimento ed esalta la termogenesi indotta dal cibo.





Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.