Ai contenuti

Consigli pratici

Vita familiare

HIV e desiderio di avere un bambino: tecniche di riproduzione

HIV e desiderio di avere un bambino: tecniche di riproduzione

HIV e desiderio di avere un bambino: tecniche di riproduzione


Proposta di inseminazione artificiale (IA): 15% di possibilità di riuscita

Due metodi per realizzarla: con il seme del futuro padre (IA) oppure con quello di un donatore anonimo (IAD).
La tecnica? Anche in questo caso, due metodi. Gli spermatozoi vengono trasferiti direttamente nel collo dell’utero: si tratta di un'inseminazione intracervicale (IIC). Oppure sono trasferiti direttamente nella cavità uterina: si tratta di un'inseminazione intra-uterina (IIU).

  • Sei il futuro padre: il tuo sperma sarà raccolto presso il laboratorio e trattato per poter prelevare gli spermatozoi mobili. Questi ultimi saranno conservati fino al momento dell’inizio dell’ovulazione.
  • Sei la futura madre: le tube devono essere permeabili. Sarai sottoposta a una stimolazione ormonale ovarica. Questa iperstimolazione si manifesta con lo sviluppo di numerosi follicoli nel corso dello stesso ciclo, aumentando così le probabilità di gravidanza.
  • Sarà possibile ripetere la procedura a ogni ciclo mestruale, cioè una volta al mese, per sei volte di seguito al massimo.
  • Attenzione: rischio di gravidanza multipla (circa il 15%) e di parto prematuro dovuti alla stimolazione ovarica.

Proposta di fecondazione in vitro (FIV): dal 20 al 25 % di possibilità di riuscita

Questo metodo prevede la riproduzione in laboratorio della fecondazione e delle prime fasi dello sviluppo embrionale.

  • È proposta nel caso di alterazione dello sperma o di infertilità della futura madre (difficoltà di ovulazione, tube otturate o distrutte) o nel caso in cui l'inseminazione non abbia avuto successo.
  • Sei il futuro padre: la tecnica è simile all’inseminazione artificiale. Lo sperma è raccolto, trattato e congelato.
  • Sei la futura madre: il metodo è più doloroso ed impegnativo rispetto all’inseminazione. È necessario sottoporsi ad una stimolazione ovarica maggiore per ottenere ovuli maturi.
  • Gli ovuli prelevati nell’ovaio sono poi aspirati in anestesia locale o generale e messi a contatto con gli spermatozoi.
  • Nel giro di due o tre giorni di coltura in laboratorio, due o tre degli embrioni ottenuti saranno impiantati.
  • Gli embrioni non utilizzati potranno essere congelati all'occorrenza. Serviranno nel caso di un successivo tentativo.
  • Sarà necessario lasciar passare tre o quattro cicli mestruali senza terapia ormonale tra un tentativo e l’altro. È possibile ripetere 2 o 3 tentativi all’anno. Per una gravidanza, è possibile un massimo di quattro tentativi.
  • Attenzione: il rischio di una gravidanza multipla è ancora più alto (24%).

Proposta di fecondazione per micro-iniezione di uno spermatozoo nel citoplasma ovarico (ICSI): dal 20 al 25 % di possibilità di riuscita

Si tratta di un metodo di fecondazione in vitro. La differenza è che un solo spermatozoo viene iniettato in ogni ovulo con una micro-pipetta.

  • È un metodo che viene proposto nel caso in cui l'uomo abbia sperma alterato, con pochi spermatozoi in grado di fecondare l'ovulo.
  • Sei il futuro padre: dopo aver raccolto lo sperma in laboratorio, gli spermatozoi mobili saranno concentrati e poi ne sarà iniettato uno solo.
  • Sei la futura madre: sarai sottoposta allo stesso trattamento ormonale e agli stessi obblighi indicati per una FIV.

Indipendentemente dalla tecnica utilizzata, si dovrà aspettare una quindicina di giorni per sapere se la fecondazione ha avuto successo.
Dopo l’inseminazione o il trasferimento dell’embrione, in assenza di mestruazioni dopo venti giorni, si procederà ad un test di gravidanza.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.
Ultima revisione Agosto 2010.

Data pubblicazione:   01/10/10
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Silvano Gallo


Ulteriori dettagliContattami

Documenti correlati

Mi proteggo contro le infezioni sessualmente trasmissibili
Mi proteggo contro le infezioni sessualmente trasmissibili
Queste malattie sono sempre attuali, con una netta recrudescenza per le persone infette da HIV in ragione di comportamenti a rischio. L'immunodepressione dei pazienti li rende più vulnerabili: le IST (infezioni sessualmente trasmissibili) sono più gravi. Il miglior mezzo per proteggersi è la prevenzione.
Leggi
Testo


Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.