Ai contenuti
Sei in:  Home page  > Progetti  > Domicilio Attivo

Rete di Assistenza Oncologica di Siracusa

Progetti

Domicilio Attivo

Domicilio Attivo

Domicilio Attivo

 Progetto Domicilio Attivo

Progetto “Domicilio Attivo”

 

RAZIONALE

Oggi circa il 30% dei farmaci impiegati per il trattamento dei tumori possono essere somministrati per bocca; molti antiblastici o farmaci biologici entrati nella pratica clinica corrente appartengono alla categoria dei farmaci orali.

Gli stessi presentano una posologia quotidiana e dunque richiedono un trattamento "cronico".

La popolazione oncologica è costituita in massima parte (60%) da soggetti di età superiore ai 65 anni e questi pazienti si trovano spesso a convivere con patologie concomitanti e/o disabilità che rendono problematico il completamento di un programma di cura. La necessità di dover assumere più farmaci (patologie concomitanti), la poco frequente disponibilità di un supporto domiciliare pieno, la necessità di una terapia cronica, spesso rappresentano fattori di rischio per il mancato completamento del programma di cura.

Nasce dunque l’esigenza di dover trovare un “compromesso” tra soggetto “somministrante” (medico specialista / infermiere con esperienza in oncologia clinica) e destinatario del piano di cura (paziente affetto da malattia neoplastica / sfera familiare) con lo scopo di favorire una maggiore aderenza al trattamento, un beneficio clinico aumentato per il paziente ed  un possibile risparmio della spesa sanitaria.

 

Esperienza UOC Oncologia ASP 8 Siracusa

Il progetto “Domicilio Attivo” è stato messo a punto a partire da Dicembre 2009, arruolando tutti quei pazienti residenti ad Avola prima e poi Siracusa, in trattamento con farmaci antiblastici per via orale.

Gli operatori assistono il paziente a domicilio, verificandone periodicamente l’aderenza alle cure e gestendone le eventuali tossicità correlate.

Nel corso del progetto vengono somministrati ai pazienti arruolati, questionari sulla Qualità di Vita (QoL) e sull’accettabilità del trattamento orale, con cadenza periodica (ogni 6-8 settimane).

Dalle risposte date dai pazienti sottoposti al questionario sull’aderenza alla chemioterapia orale è stato mostrato un totale apprezzamento della stessa rispetto a quella somministrata endovena, con buona compliance del paziente, in termini di aderenza alle cure ed al progetto, anche in pazienti pluritrattati con farmaci orali per patologie concomitanti. I risultati ottenuti dalla somministrazione del questionario sulla QoL hanno mostrato un miglioramento della qualità di vita del paziente. I pazienti che hanno aderito al progetto sono stati seguiti con maggior frequenza di assistenza e con ottimi risultati, in termini di controllo clinico, tollerabilità al trattamento e aderenza alle cure. Tutti i pazienti hanno accettato di buon grado l’iniziativa ed hanno instaurato con gli operatori un rapporto positivo di empatia, molto utile al successo delle cure.

Il progetto “Domicilio Attivo”, evitando gli accessi in ospedale ha prodotto anche un reale risparmio economico da parte del paziente e dei familiari che lo assistono (ore di lavoro perse, spese per spostamenti etc.).

 La messa in opera del progetto, tenuto conto del numero di accessi domiciliari effettuati e di quelli all’UOC evitati si propone di ottenere un risparmio oggettivo della spesa pubblica, in termini di n. di DRG erogati dal SSN, personale medico, paramedico e amministrativo, dispositivi sanitari (farmaci, materiali di infusione, cancelleria etc…) impiegati.

 

 

SEDE: Il Domicilio Attivo si sviluppa all’interno della Rete di Assistenza Oncologica di Siracusa, nelle città in cui è attivo un Day Hospital/Day Service (al momento Siracusa, Avola) assistendo tutti i pazienti residenti in queste  città .

ORARI: L’attività domiciliare si svolge nelle ore pomeridiane (15,00-18,00).

MODALITA’ DI ACCESSO: I pazienti vengono selezionati dai rispettivi Day Hospital e gli accessi vengono preventivamente programmati in relazione al numero di pazienti e alla tipologia di trattamento.

FIGURE PROFESSIONALI COINVOLTE: Un medico specialista e un infermiere con esperienza in oncologia clinica con la funzione anche di coordinatore.

STRUMENTI UTILIZZATI: questionario sulla QoL e questionario sull’aderenza alle terapie orali, diario clinico, schede registrazione accessi domicilio/struttura oncologica. Reperibilità medica con telefono mobile attivo nei giorni feriali dalle ore 9,00 alle 20,00; al di fuori degli orari previsti accesso diretto all’Unità Operativa o tramite PS.

FINALITA’: Lo scopo del progetto è quello di poter offrire la miglior assistenza possibile ai malati neoplastici, non terminali, ma attivamente in trattamento antiblastico specifico somministrato per via orale. Le finalità dovrebbero riguardare: una maggiore aderenza alle cure, un miglioramento della QoL, una possibile riduzione dei costi di assistenza

 

Dr. Sebastiano Bordonaro,

Dirigente Medico UOC Oncologia RAO - ASP SR

Data pubblicazione:   12/07/12

Creato da:  Rete di Assistenza Oncologica

 
 

Informazioni sullo studio

Rete di Assistenza Oncologica

Specializzazione principale:
Oncologia

Numeri di assistenza e di emergenza

Clicca qui per ulteriori informazioni

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.