Ai contenuti

Consigli pratici

Vita sessuale

Infezione da HPV: i quesiti delle pazienti, le risposte del medico

Infezione da HPV: i quesiti delle pazienti, le risposte del medico

Come impostare il counseling sull’infezione da HPV


Che cosa è l’HPV?

HPV è il papilloma virus umano (Human Papilloma Virus)

L’HPV è un virus molto frequente, che la maggior parte delle donne (più dell’80%) prende almeno una volta nella vita.

Che cosa provoca questo virus?

In genere non causa alcuna alterazione e passa del tutto inosservato.

In una minoranza (circa 1%) di casi provoca delle alterazioni a livello del collo dell’utero che vengono diagnosticate con il pap test. Il pap test serve ad identificare le alterazioni che oggi sappiamo essere causate dal papillomavirus. La maggior parte delle alterazioni identificate dal pap test guariscono spontaneamente, altre vengono eliminate chirurgicamente tramite una bruciatura; se non riconosciute in tempo  alcune possono progredire lentamente verso forme tumorali.

Ci vogliono però molti anni perché le lesioni si trasformino, e solo pochissime delle donne con infezione da papilloma virus sviluppano un’alterazione al pap test che può degenerare in un tumore del collo dell’utero.

 
Quanto tempo permane il virus?

Nella grande maggioranza dei casi il virus scompare spontaneamente, circa il 50% dei casi nel corso di un anno e circa l’80% in due anni.

Quando il virus scompare, cioè non è più rilevabile dai test, anche il rischio scompare.

 Come si entra in contatto col virus?

Il virus HPV si contrae per via sessuale, anche se non necessariamente in seguito ad un rapporto

sessuale completo. In alcuni casi il virus può ricomparire molti anni dopo che una delle due persone l’ha presa. Il fatto di avere il test positivo oppure le alterazioni causate dal virus in genere non ha nulla a che fare con l’attuale compagno.

Che terapie si possono fare contro il virus?

La presenza del virus non è una malattia, e perciò non sono necessarie terapie.

La cosa più importante però è identificare in tempo le alterazioni provocate dal virus, che sono quelle che cerchiamo con il Pap-test.

Quindi partecipare allo screening è la cosa più efficace che possiamo fare per proteggerci dalle conseguenze, rare ma rilevanti della presenza virale.

Si può prevenire?

Non è possibile evitare il contagio in quanto il virus è comunissimo ed i rapporti sessuali fanno parte della nostra normale vita di relazione. Anche il preservativo, molto utile per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse, offre una prevenzione insufficiente.

Al contrario è disponibile un vaccino preventivo con due dei tipi di HPV che sono responsabili di circa il 70% dei tumori del collo dell’utero.


Che cosa succederà dopo aver fatto il test HPV?

Se il suo test HPV sarà negativo, non avrà più bisogno di controlli particolari e la inviteremo di nuovo a fare un Pap-test di screening fra tre anni.

Se il suo test HPV sarà positivo, la inviteremo a fare un controllo il prossimo anno (oppure l’anno  successivo); se persiste la positività virale, anche se il pap test è negativo, è indicato un esame di approfondimento, chiamato colposcopia, che servirà ad esaminare il suo collo dell’utero. Infatti si è visto che la persistenza del test virale positivo è in grado di identificare anche quei casi in cui il pap test è negativo pur essendo presente una alterazione cervicale. La colposcopia è’ un controllo simile alla visita ginecologica e non è doloroso.


Che cosa succederà dopo aver fatto la colposcopia?

Se il suo collo dell’utero risulterà normale non avrà bisogno di altri accertamenti.

Se trovassimo delle piccole alterazioni (macchie) potrà eliminare gratuitamente e presso un centro specializzato tutte le condizioni al di sopra di un certo livello di gravità.

 
…a proposito di PAP-TEST E TEST HPV

 
Perché si fa il test per il papilloma virus (HPV)?

Il test HPV si può fare per selezionare tra le donne con alcune alterazioni cellulari nel Paptest (ASC-US) quelle da inviare a colposcopia. In questo caso si utilizza come esame di approfondimento.

Il test HPV si può usare anche per controllare le donne dopo il trattamento di una alterazione pre-cancerosa.

Come si fa il test HPV?

E’ come fare un Pap-test. Il materiale prelevato non è però letto al microscopio, come nel Pap-test, ma sottoposto a un esame di laboratorio per la ricerca del virus.

Tutto quello che abbiamo cercato con il Pap-test non c’entra niente con questo nuovo virus?

Il Pap-test è un esame molto utile: identifica le alterazioni causate dal virus; il test HPV è un ulteriore esame a cui si ricorre per completare la diagnosi.

Inoltre, nel caso lei avesse necessità di un trattamento, Il test HPV servirà a seguirla meglio nel tempo.

Perché nello screening non si fa il test HPV prima del  Pap test?

Perché è stato dimostrato solo recentemente che fare per primo il test HPV e riservare il pap test solo a chi ha il virus rappresenta un vantaggio rispetto a fare solo il Pap-test. Nei prossimi anni  gradatamente si modificheranno gli schemi di screening, con un vantaggio in termini economici, ma non con sostanziali differenze sulla salute delle donne.

Attualmente il test HPV viene consigliato  nei casi con un PAP-test positivo per ASCUS oppure dopo trattamento.

Striscio o Pap-test sono sinonimi?

Sì, spesso i due termini vengono usati per dire la stessa cosa.

A volte però per striscio si intende solo l’esame che si fa per vedere se c’è un’infezione vaginale.

Posso fare il Pap-test se ho il sospetto di avere un’infiammazione vaginale?

Se ha il sospetto di avere un’infiammazione vaginale (cioè sente un bruciore intenso e/o molto prurito e/o molte perdite) è sconsigliabile eseguire il Pap-test perché è più difficile riuscire a interpretarlo

correttamente.

E’ preferibile fare una terapia antinfiammatoria.

Cosa si vede facendo il Pap-test?

Si possono vedere eventuali alterazioni cellulari del collo dell’utero

Con il Pap-test si vede il papilloma virus?

No, il papilloma virus non si vede con il Pap-test. Però il Pap-test può mostrare le alterazioni cellulari causate dalla presenza del virus.

 Ci sono esami del sangue specifici per il papilloma virus?

No, non ci sono esami del sangue specifici per il papilloma virus perché il virus non entra mai nel sangue, ma rimane localizzato al collo dell’utero.

 

Paolo Spriano, Medico di Medicina Generale, Milano

Data pubblicazione:   23/02/12
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Pier Franco Di Roberto

Ginecologia

Ulteriori dettagli

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.