Ai contenuti
Sei in:  Home page  > Guida medica personale  > La patologia

Guida medica personale

La patologia

7 Documento(i) in questa sottorubrica / sottotitolo

Il morbo di Crohn: una malattia immunitaria
Il morbo di Crohn: una malattia immunitaria
Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica intestinale che può interessare la mucosa dell’intero apparato digerente, dalla cavità orale fino all’ano. Tuttavia, il morbo di Crohn colpisce più frequentemente l’ultima parte dell’intestino tenue, il cosiddetto ileo terminale. La colite ulcerosa, un’altra patologia del gruppo delle malattie infiammatorie croniche intestinali, colpisce, al contrario del morbo di Crohn, per lo più soltanto l’intestino crasso. Alla prima insorgenza della malattia, i pazienti hanno in genere un’età compresa tra i 20 e i 30 anni, ma anche le persone più anziane, a partire dai 60 anni, possono contrarre la malattia. Ciò significa che nei pazienti con il morbo di Crohn spesso la malattia è presente durante l’intera vita lavorativa. La causa della malattia è ad oggi sconosciuta. Sembra esistere una predisposizione ereditaria; inoltre, possono avere una certa importanza le infezioni o i disturbi nel sistema immunitario.
Leggi
Testo
Artrosi e Artrite: due patologie con nomi simili
Artrosi e Artrite: due patologie con nomi simili
È frequente che vengano confusi i nomi di artrosi e artrite, le due patologie che causano dolori articolari. Il dolore è il sintomo centrale che accompagna l’intero decorso patologico di entrambe le malattie articolari. In aggiunta al dolore alle articolazioni, in fasi successive si presenta anche la limitazione del raggio di movimento fino a raggiungere la completa incapacità di movimento delle articolazioni interessate, nonché la deformazione delle articolazioni stesse. Nonostante questo sintomo sia comune alle due malattie è importante effettuare una differenziazione in modo da individuare la terapia ottimale.
Leggi
Testo
Colite ulcerosa: una malattia infiammatoria intestinale
Colite ulcerosa: una malattia infiammatoria intestinale
La colite ulcerosa è una delle due malattie infiammatorie intestinali più note. Si presenta spesso sotto forma di fasi attive. I sintomi caratteristici sono diarrea e dolori.
Leggi
Testo
Prevenire la depressione
Prevenire la depressione
Le depressioni rappresentano la percentuale maggiore delle malattie psichiche. Tuttavia, per molti pazienti non è affatto semplice distinguere fra una normale tristezza e una vera depressione. Altrettanto difficile è anche la prevenzione.
Leggi
Testo
L’osteoporosi interessa tutti
L’osteoporosi interessa tutti
In tutte le persone in età avanzata si verifica una perdita naturale di sostanza ossea, ma non tutti soffrono di osteoporosi. Gli esperti stimano che in Italia attualmente più di cinque milioni di persone sono affette da questa patologia. Le donne sono esposte a un rischio quattro volte più alto di sviluppare osteoporosi rispetto agli uomini. Eppure attenzione, anche il cosiddetto sesso forte può essere affetto da osteoporosi. In linea di principio tutti dovrebbero essere consapevoli fin da giovani dei possibili rischi di osteoporosi in modo da prevenirla.
Leggi
Testo
Emicrania: sintomatologia durante un attacco
Emicrania: sintomatologia durante un attacco
L’emicrania è caratterizzata da attacchi violenti cefalea, spesso unilaterali, pulsanti e lancinanti. Tipici dell’emicrania sono anche i sintomi associati : tra i sintomi più noti vi sono nausea e vomito, fotofobia e fonofobia, nonché uno stato d’animo negativo.
Leggi
Testo
Che cos´è l´osteoporosi?
Che cos´è l´osteoporosi?
L’osteoporosi è una malattia metabolica che colpisce circa il 23% delle donne al di sopra dei 40 anni. La percentuale di uomini che sviluppano osteoporosi è più bassa (14% dopo i 60 anni). Nelle persone sane l’osso è in costruzione permanente. Ciò significa che la neoformazione e la demolizione ossee sono in equilibrio armonico. In caso di osteoporosi invece la formazione di osso è troppo ridotta oppure la distruzione ossea è eccessiva. Questa perdita di sostanza indebolisce le ossa. Rispetto alle ossa di una persona sana, le ossa di un paziente con osteoporosi sono meno resistenti, e quindi anche più soggette a fratture, a causa dello spessore osseo ridotto.
Leggi
Testo

Informazioni sullo studio

Dott. Pasquale Candelieri

Medicina generale

Ulteriori dettagliTariffarioContattami

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.