Ai contenuti

Guida medica personale

Chirurgia del ginocchio

Che cosa bisogna sapere prima di un’artroscopia

 Che cosa bisogna sapere prima di un’artroscopia

L’artroscopia è una tecnica chirurgica che consente di vedere le articolazioni e curare una disfunzione articolare. Richiede un’anestesia generale o locale, a seconda dei casi.


A cosa serve?

- L’artroscopia consente di visualizzare direttamente tutte le strutture interne di un’articolazione: le cartilagini, i menischi ed i legamenti intra-articolari. E’ un esame che può risultare utile per stabilire la causa di un disturbo articolare.
- Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le radiografie, la scintigrafia o la risonanza magnetica possono già aver consentito di emettere una diagnosi precisa. In tal caso, l’artroscopia viene effettuata a “fini terapeutici”, per curare la disfunzione articolare. Tale tecnica risulta pertanto
interessante, in quanto consente di eseguire piccoli interventi chirurgici senza dover esporre l’articolazione.

Su quale principio si basa?

L’artroscopia consiste nell’inserire in un’articolazione uno strumento flessibile del diametro di pochi millimetri, denominato endoscopio (dopo aver praticato una piccola incisione sulla pelle). Grazie ai progressi scientifici in materia di tecnologie digitali e di fibre ottiche (cavetti estremamente sottili, in vetro o plastica, in grado di condurre la luce), attualmente esistono endoscopi di dimensioni minuscole che
visualizzano la cavità articolare in dettaglio su di uno schermo di controllo. In caso di intervento chirurgico in artroscopia, a volte risultano necessarie alcune piccole incisioni cutanee per poter inserire gli strumenti nell’articolazione.

Dove e come viene effettuata un’artroscopia?

- L’artroscopia viene effettuata in anestesia generale (con il paziente completamente addormentato) o locale (anestetizzando solo l’arto interessato), a seconda dei casi. Come per tutti gli interventi chirurgici sotto anestesia, nella fase preoperatoria è necessaria la visita di un medico anestesista ed essere a digiuno di acqua, cibo e fumo, da almeno 6 ore.
- Un’infusione endovenosa viene applicata ad una vena del braccio e lasciata in sede per tutta la durata dell’intervento.
- L’artroscopia viene eseguita in sala operatoria ed in condizioni sterili da un chirurgo ortopedico o da un reumatologo artroscopista. In via preliminare, la pelle viene sempre disinfettata con cura nei dintorni dell’articolazione. Pertanto, prima dell’intervento è importante segnalare l’eventuale presenza di qualsiasi lesione cutanea (ferite, foruncoli, ecc.) che potrebbe essere fonte di infezioni.
- Essendo effettuato sotto anestesia, l’esame è completamente indolore. La sua durata varia da 15 a 45 minuti circa

Esistono dei rischi?

- L’artroscopia può dare origine ad un’infiammazione locale che si manifesta sotto forma di un gonfiore più o meno doloroso,
ma transitorio, a ridosso dell’articolazione. In genere, tali sintomi scompaiono entro pochi giorni (il dolore può essere alleviato tramite l’assunzione di analgesici ed applicando del ghiaccio).
- Pur essendo una complicazione molto rara, ma ben più grave, l’artrite è un’infezione della cavità articolare che si manifesta
con dolori e febbre. In tal caso, è necessario ricorrere senza indugi alle cure di un medico.
- Infine, i pazienti sottoposti ad artroscopia in anestesia generale possono presentare complicazioni legate all’anestesia stessa,
malgrado ormai si tratti di casi eccezionali.

Cosa fare dopo un’artroscopia?

Una volta effettuata l’artroscopia, il rientro a casa avviene rapidamente, dopo un breve periodo di osservazione in
ospedale o in clinica (da poche ore ad un massimo di 24 ore), a seconda dell’articolazione interessata e dell’intervento
eseguito.

Il presente materiale non intende in alcuna maniera, né direttamente, né indirettamente, delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica. E' necessario, pertanto, consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi cambiamento dello stile di vita".  Le informazioni contenute nella scheda sono utilizzabili solo dopo che il medico curante ha verificato la presenza delle controindicazioni all’uso nel singolo paziente.

 

 

 

<Paolo Spriano, Medico di Medicina Generale, Milano>

Data pubblicazione:   23/02/12
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Nicola Bacci

Ortopedia

Ulteriori dettagliTariffarioContattami

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.