Ai contenuti

Studio Medico Dott. Nicola CASTELLANO

Guida medica personale

La patologia

La terapia farmacologica per l’ipertensione

La terapia farmacologica per l’ipertensione

L’obiettivo del trattamento farmacologico dell’ipertensione è la riduzione della pressione a valori inferiori a 140/90 mmHg. A questo scopo è disponibile una serie di farmaci sperimentati. Nel caso in cui la monoterapia non fosse sufficiente, allora sarà necessario ricorrere ad una combinazione di diversi farmaci.

Perché i farmaci?

  • Quando non si riesce a ridurre la pressione sanguigna a sufficienza soltanto apportando cambiamenti allo stile di vita, il medico dovrà prescrivere anche dei farmaci. Nella maggior parte dei casi, grazie all’ampia scelta di principi attivi efficaci, si riesce a controllare la pressione arteriosa elevata molto bene.
  • L’importante è che la terapia farmacologica sia adeguata ai bisogni individuali del singolo paziente. A tal riguardo è determinante considerare l’età, i valori pressori ed eventuali malattie concomitanti quali patologie cardiache, diabete mellito, disturbi degli scambi metabolici, affezioni delle vie respiratorie o tendenza all’accumulo di liquidi nelle gambe (edema).
  • Si devono , inoltre, tenere in considerazione i possibili effetti collaterali che sono diversi tra un farmaco e l’altro.
  • La terapia farmacologica antiipertensiva è in genere conforme alle raccomandazioni delle Linee Guida per l’Ipertensione.
  • Per iniziare, i pazienti con ipertensione da lieve a moderata dovrebbero essere sottoposti a monoterapia, vale a dire un trattamento che prevede un solo principio attivo.
  • Quando con un solo principio attivo non si riesce ad ottenere una sufficiente riduzione della pressione arteriosa, si dovrà introdurre una terapia combinata che prevede l’impiego di due, o anche tre, farmaci antiipertensivi.

Una sola compressa per molteplici effetti

  • Nel corso del tempo oltre la metà dei pazienti deve assumere più di un farmaco antiipertensivo.
  • Attualmente esistono dei farmaci che contengono più principi attivi in un’unica compressa. Tali farmaci contengono combinazioni di principi attivi ben sperimentate come, ad esempio, diuretici e ACE inibitori oppure AT1 antagonisti (sartani).

Quando e quale farmaco può essere di aiuto?

  • I farmaci antiipertensivi si somministrano per scopi diversi: dilatazione dei vasi sanguigni, riduzione della quantità di fluido nel circolo sanguigno o blocco delle reazioni dell’organismo allo stress.
  • Per un’efficace riduzione della pressione alta sono disponibili quindi diverse classi di farmaci tra i quali diuretici, betabloccanti, calcio antagonisti, ACE inibitori e sartani (AT1 antagonisti).

Diuretici

  • Il diuretico, è spesso, il primo farmaco cui si ricorre in caso di pressione alta.
  • Questo farmaco stimola i reni e consente una maggiore eliminazione di acqua e sale. Pertanto, diminuendo la quantità di fluido presente nel corpo anche la pressione arteriosa si riduce.

ACE inibitori

  • Gli ACE inibitori riducono la pressione sanguigna inibendo l’enzima convertitore dell’angiotensina (ACE) e riducendo così i livelli di angiotensina II presenti nel sangue.
  • L’angiotensina II è un ormone endogeno che restringe i vasi sanguigni facendo aumentare la pressione sanguigna.

Sartani

  • Gli antagonisti del recettore AT1, o sartani, sono una classe di farmaci antiipertensivi più recente.
  • I sartani sono noti anche come antagonisti del recettore dell’angiotensina II o bloccanti del recettore per l’angiotensina.
  • Essi rappresentano un’evoluzione degli ACE inibitori in quanto riducono la pressione arteriosa in modo simile agli ACE inibitori, ma bloccano direttamente l’angiotensina II.
  • I sartani sono caratterizzati da un’ottima tollerabilità ed una modalità di assunzione molto semplice. É sufficiente una compressa al giorno.

Beta-bloccanti

  • I beta-bloccanti riducono l’effetto degli ormoni dello stress, in modo tale che il cuore batta più lentamente e si alleggerisca. In questo modo la pressione sanguigna si abbassa.

I calcio antagonisti

  • I calcio antagonisti bloccano l’effetto del calcio nei muscoli delle pareti vascolari. In questo modo si riduce il grado di impegno, i vasi si distendono e si allargano, e la pressione diminuisce.

Per un’effettiva riduzione della pressione alta sono disponibili diverse classi di farmaci tra le quali diuretici, beta-bloccanti, calcio antagonisti, ACE inibitori e sartani. Il  medico sceglie il farmaco più adatto in base a diversi fattori, fra cui l’età del paziente e le eventuali patologie associate che sono state diagnosticate. Parallelamente all’assunzione della terapia farmacologica, bisognerebbe ridurre i fattori di rischio anche attraverso uno stile di vita adeguato e più sano.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione: Paolo Spriano, Medico di Medicina Generale, Milano

Ultima revisione novembre 2012.

Data pubblicazione:   22/12/16
Data di modifica:  27/11/12
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Nicola Castellano

Medicina interna

Documenti correlati

Come misurare la pressione arteriosa?

Come misurare la pressione arteriosa?

Oltre 10 milioni di italiani soffrono di ipertensione arteriosa. Misurando la pressione arteriosa è possibile diagnosticare l'ipertensione arteriosa. È importante seguire regolarmente l’andamento della propria pressione.

Leggi
Testo
Come posso sapere se soffro di ipertensione arteriosa?

Come posso sapere se soffro di ipertensione arteriosa?

L'ipertensione arteriosa è una malattia spesso asintomatica. Di conseguenza, se non viene curata in maniera efficace, può comportare l'insorgenza di gravi problemi. È pertanto necessario essere seguiti con regolarità da un medico e misurare la pressione arteriosa regolarmente.

Leggi
Testo
Controllare regolarmente la pressione alta

Controllare regolarmente la pressione alta

I valori pressori non sono mai costanti, neanche nelle persone che sono del tutto sane. Essi variano con le sollecitazioni del corpo, con lo stress e perfino in base agli orari della giornata. La pressione arteriosa è più bassa di notte, durante la fase di riposo, e più alta alla mattina dopo essersi alzati, quando il sistema circolatorio riprende a funzionare a pieno ritmo. L’ipertensione (pressione alta) viene perciò diagnosticata soltanto dopo ripetute rilevazioni pressorie. Ulteriori indagini servono ad escludere forme di ipertensione correlate agli organi e a danni d’organo.

Leggi
Testo

Numeri di assistenza e di emergenza

Il mio indirizzo di posta elettronica è

nic.castellano@gmail.com

 

Miei numeri di telefono:

 

3471097443

 

 

Clicca qui per ulteriori informazioni

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.