Ai contenuti

Studio Medico Dott. Nicola CASTELLANO

Guida medica personale

La patologia

Allergie: cosa bisogna sapere

Allergie: cosa bisogna sapere

Le allergie sono reazioni eccessive del corpo in presenza di alcune sostanze. Le allergie possono essere di tipo respiratorio, alimentare o da contatto.

Perché sono allergico?

L’origine precisa delle allergie non è pienamente conosciuta, tuttavia sono stati identificati alcuni fattori.

  • Fattori ereditari: predisposizione genetica alle allergie.
  • Fattori ambientali: inquinamento e contatto diretto con l’allergene.
  • Fattori personali: ad esempio l’introduzione troppo precoce di alimenti nuovi nella dieta di un bambino.

In ogni caso, dopo che l’individuo è stato sensibilizzato dal primo contatto con l’allergene, il corpo avrà prodotto anticorpi per reagire al contatto successivo. Ad ogni nuovo contatto con questo allergene, il corpo produce la risposta allergica.

 

Quali sono alcuni dei sintomi dell’allergia?

Reazioni cutanee (pelle arrossata), digestive (diarrea) oppure respiratorie (respirazione affannosa) sono alcuni dei segni dell’allergia.

Come scoprire a cosa si è allergici?

Un allergologo può proporre un test cutaneo ed eventualmente test ematici per determinare l’allergene responsabile.

Da cosa è provocata un’allergia?

Gli allergeni respiratori più comuni sono:

  • Acari della polvere, pollini, pelo e piume degli animali domestici.

Le allergie alimentari più comuni sono causate da:

  • Latte, uova, arachidi, noccioline americane, farina di frumento, pesce, gamberetti ed altri crostacei, kiwi.
  • Altri prodotti sono spesso responsabili, poiché contengono sostanze allergizzanti: shampoo, cosmetici, prodotti per l’igiene della casa (detersivi).

Altre allergie possono essere prodotte da:

  • Punture di insetti (vespe, api, calabroni).
  • Alcuni farmaci.

Le allergie possono essere pericolose?

In qualsiasi manifestazione allergica, sia che si tratti di un’allergia respiratoria (polline, polvere, ecc.), un’allergia da contatto (lana, cosmetici) oppure di un’allergia a farmaci o alimenti (glutine, arachidi, ecc.), il corpo considera come nemica la sostanza estranea.

Nella maggior parte dei casi le manifestazioni sono varie, ma benigne: eczema, disordini respiratori o digestivi.

Talvolta può capitare che le allergie provochino reazioni più forti. Nei casi più gravi, possono costituire un pericolo mortale, producendo uno shock anafilattico. Si tratta di una grave emergenza. I possibili segnali di allarme sono i seguenti:

  • Battito cardiaco accelerato, polso debole.
  • Difficoltà respiratorie.
  • Gonfiore (edema) del collo e del viso, che può arrivare a colpire la lingua.

 

Se si verificano questi sintomi, chiamare immediatamente i soccorsi. È importante informare i familiari e gli amici sulle proprie allergie e portare sempre con sé un documento che indichi i medicinali o le sostanze alle quali si è allergici.

Se ci si rivolge a un nuovo medico, oppure se si viene ricoverati in ospedale, informare lo staff della propria allergia.

Quale sarà il corso dell’allergia?

I casi sono variabili. L’allergia potrebbe scomparire. Può svilupparsi in seguito al contatto con altri allergeni. Può essere trattata.

Come trattare l’allergia?

Se l’allergene è stato identificato, è necessario evitare, per quanto possibile, qualunque contatto con esso. Un trattamento anti-allergico può essere prescritto per evitare o trattare le conseguenze dell’allergia. Esistono inoltre vari kit di emergenza per le reazioni gravi. Il medico le può indicare se uno di questi è adatto alla sua allergia.

In alcuni casi, è possibile procedere ad una desensibilizzazione. Si tratta di esporre gradualmente il corpo a piccole quantità dell’allergene. Questo è un trattamento che gli allergologi praticano già da molto tempo.

Allergie: cosa bisogna sapere

Allergie: cosa bisogna sapere


In caso di allergia, tenere sempre con sé il medicinale anti-allergico prescritto dal medico curante. Non esitare a consultare o addirittura a chiamare il servizio di assistenza medica d’urgenza in caso di reazione grave.

Se si ha già avuto una reazione allergica, è necessario informarne il team medico prima di qualunque intervento medico o chirurgico.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.
Ultima revisione Agosto 2010.

Data pubblicazione:   01/10/10
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Nicola Castellano

Medicina interna

Documenti correlati

Comprendo meglio le mie allergie oculari

Comprendo meglio le mie allergie oculari

Le allergie oculari si manifestano con occhi gonfi, arrossati, che lacrimano o prudono. Sono frequenti, a volte stagionali e spesso ricorrenti. Esistono trattamenti rapidi, semplici ed efficaci.

Leggi
Testo
Allegie respiratorie: quali precauzioni prendere

Allegie respiratorie: quali precauzioni prendere

Le allergie respiratorie possono scatenare attacchi di asma o rinite. Per evitare queste condizioni, è necessario evitare il contatto con le sostanze alle quali si è allergici.

Leggi
Testo
Soffrire di asma e di rinite allergica

Soffrire di asma e di rinite allergica

L’asma e la rinite allergica sono strettamente correlate. Circa otto persone che soffrono di asma su dieci presentano rinite allergica associata. Perchè?

Leggi
Testo

Numeri di assistenza e di emergenza

Il mio indirizzo di posta elettronica è

nic.castellano@gmail.com

 

Miei numeri di telefono:

 

3471097443

 

 

Clicca qui per ulteriori informazioni

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.