Ai contenuti

Guida medica personale

Follow up medico

Incinta e sportiva

Incinta e sportiva

Gravidanza e sport non sono incompatibili, salvo qualche eccezione, ed a patto di rispettare alcune precauzioni ed accorgimenti dettati dal buon senso. In ogni caso, meglio ricorrere in via preliminare al parere del medico da cui si è seguite durante la gravidanza. I benefici offerti dallo sport alle donne


 

Gravidanza e sport non sono incompatibili, salvo qualche eccezione, ed a patto di rispettare alcune precauzioni ed accorgimenti dettati dal buon senso.

In ogni caso, meglio ricorrere in via preliminare al parere del medico da cui si è seguite durante la gravidanza.

I benefici offerti dallo sport alle donne

incinte

æ Durante la gravidanza il corpo femminile va incontro a numerosi cambiamenti: il ritmo cardiaco aumenta di pari passo con il volume sanguigno ed il fabbisogno di ossigeno, l’ipoglicemia (calo del tasso di zuccheri nel sangue) compare più rapidamente, la regolazione della temperatura corporea è più difficoltosa, l’equilibrio si modifica ed, infine, a livello delle articolazioni, i tendini ed i legamenti tendono a rilassarsi.

æ Tali cambiamenti sono normali e non impediscono di praticare uno sport, salvo controindicazioni (vedi oltre), ma a patto di scegliere coscienziosamente il tipo di sport, evitando gli esercizi fisici troppo intensi.

æ I benefici offerti dallo sport durante la gravidanza sono numerosi: mantenimento della muscolatura, in particolare di quella addominale, miglioramento della resistenza, rilassamento, preservazione del ritorno venoso, ma anche benessere, nonché appagamento psicologico...

æ La crescita del feto non è influenzata dalla pratica sportiva. Inoltre, in base ad alcuni studi, avere fatto sport regolarmente durante la gravidanza potrebbe addirittura essere favorevole allo svolgimento del parto, riducendo la durata del travaglio.

æ Durante i primi due trimestri, salvo controindicazioni del proprio medico, si può proseguire con la propria attività preferita (salvo gli sport sconsigliati, vedi oltre). A partire dal 7º mese, la moderazione è d’obbligo.

Controindicazioni cliniche

æ Prima di tutto, consultare il proprio medico, seguendone i consigli.

In alcuni casi lo sport è assolutamente controindicato e bisognerà attendere che la nascita sarà avvenuta per poter ricominciare a praticarlo:

- anamnesi di aborti ripetuti;

- minaccia di parto prematuro;

- gravidanza multipla;

- dilatazione del collo dell’utero (collo non chiuso);

- grave malattia polmonare o cardiaca.

Il diabete, così come l’ipertensione arteriosa, sono controindicazioni relative, ed il medico deciderà se è

possibile proseguire o no con un’attività sportiva a basso impatto, in base alla gravità di tali malattie.

Gli sport consigliati

æ La marcia presenta il vantaggio di essere accessibile a chiunque e praticabile dovunque!

æ Il nuoto: benefico sul piano cardiaco e respiratorio, favorisce il rilassamento, preserva le articolazioni ed è, per eccellenza, lo sport ideale per le donne incinte.

æ Ma anche: la ginnastica dolce, il ciclismo, il volano (Badminton), la danza, lo yoga.

Gli sport vietati

æ Le immersioni subacquee e gli sport a grandi altitudini (alpinismo, paracadutismo) sono da evitare, in quanto dannosi per il feto, per via della diminuzione dell’apporto di ossigeno.

æ Gli sport a rischio di caduta: equitazione, sci, tennis... (a maggior ragione poiché il baricentro è modificato dalla gravidanza, favorendo le perdite di equilibrio).

æ Gli sport a rischio di traumatismo addominale: sport collettivi, judo ed altri sport di lotta...

Consigli pratici

æ Privilegiare una cadenza regolare con varie sessioni brevi da 15 a 20 minuti alla settimana, rispetto ad esercizio fisico meno frequente ma più intensivo.

æ Fare un lieve riscaldamento prima di iniziare, ed un po’ distretching dopo l’allenamento per evitare i crampi.

æ Attenzione agli stiramenti troppo intensi, in quanto in gravidanza i legamenti tendono a rilassarsi.

æ Astenersi nei periodi di caldo intenso.

æ Non dimenticarsi di bere molta acqua, prima, durante e dopo l’esercizio fisico per evitare la disidratazione.

æ Per prevenire i crampi, assumere frutta e verdura ricche di potassio.

æ Attenzione all’esercizio fisico intenso che comporta un ritmo cardiaco eccessivo in quanto sarebbe dannoso sia per la madre che per il bambino. Rilevare le proprie pulsazioni...

La frequenza cardiaca massima teorica è considerata pari a 220 - età (in anni). In caso di gravidanza, meglio mantenere un margine di sicurezza e non superare dal 70 al 75% di tale valore.

 

A cura di Paolo Spriano Medico di Medicina Generale Milano

 

Il presente materiale non intende in alcuna maniera, né direttamente, né indirettamente, delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica. E' necessario, pertanto, consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi cambiamento dello stile di vita".  Le informazioni contenute nella scheda sono utilizzabili solo dopo che il medico curante ha verificato la presenza delle controindicazioni all’uso nel singolo paziente.

 

Data pubblicazione:   17/12/16
Data di modifica:  21/10/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Maurizio Colonna

Fisiatria

Ulteriori dettagliTariffarioContattami


Numeri di assistenza e di emergenza

In caso di emergenza contattare 3331794849 dalle 14,00 alle 23,00

Clicca qui per ulteriori informazioni


Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.