Ai contenuti

Consigli pratici

Vita sessuale

SESSO ED INFARTO MIOCARDICO

SESSO ED INFARTO MIOCARDICO

 Attività sessuale, infarto miocardico


Dopo un infarto miocardico sono tanti i dubbi su ciò che si può fare, compreso il sesso. Le linee guida dell’American Heart Association sono rassicuranti: il sesso dopo l’infarto non è affatto vietato, a patto che il disturbo cardiovascolare sia stabilizzato. Eventi cardiovascolari come l’infarto o i dolori al petto, in realtà, si verificano piuttosto raramente durante l’attività sessuale, perché di solito questa ha breve durata. La riabilitazione cardiaca e un regolare esercizio fisico possono ridurre il rischio di complicazioni legate all'attività sessuale.
Molti pazienti chiedono spesso quando possono ricominciare con l’attività sessuale, soprattutto gli uomini. Per prima cosa occorre che il paziente sia stabilizzato, sia fuori cioè dalla fase acuta, che dura circa un mese dopo l’attacco di cuore. Dopo tale periodo però sono necessarie alcune cautele. Il cardiopatico è e rimane sempre a rischio e se il paziente non è stabile da un punto di vista sintomatologico il sesso è sconsigliato. Se invece si sente bene può senz'altro riprendere con alcuni accorgimenti. 
Si può avere un’attività sessuale soddisfacente dopo l’infarto, purché senza eccessi. Sia perché lo sforzo fisico intenso è rischioso, sia perché stimola il sistema adrenergico, che può a sua volta costituire un fattore di rischio. Il sesso all'interno della coppia consolidata và bene, mentre emozioni estreme vanno evitate (ad esempio attività sessuale extraconiugale...). Come per la ripresa dell’attività fisica, così anche per quella sessuale è consigliabile ricominciare lentamente. L’emozione, purché non violenta, ha un impatto favorevole sul cuore.
Si può usare il Viagra? Molti pazienti fanno domande su questo. La casa farmaceutica che lo produce ne sconsiglia l’uso a chi ha avuto un infarto. Tuttavia, va evitato solo se la terapia che il paziente sta seguendo comprende alcuni farmaci il cui effetto di vasodilatazione si somma a quello del Viagra: il rischio è pressione bassa e svenimenti. E' bene usarlo in maniera prudente e sotto stretto controllo del proprio Cardiologo di fiducia.

Creato da:  Dott. Massimiliano Ira

Data pubblicazione:   19/10/13
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Massimiliano Ira

Cardiologia

Contattami



Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.