Ai contenuti
Sei in:  Home page

Centro di Microchirurgia Oftalmica dr. Tritto Martino Mariano

Il Centro di MICROCHIRURGIA OFTALMICA è fornito delle più recenti apparecchiature diagnostiche e curative per Trattamenti Eccimeri Laser per interventi di refattiva ed inoltre di YAG, Argon FENTOM a Diodi Laser per trattamenti per profilassi del Glaucoma, Diabete, ipertensione Distacco di retina, Sindrome da occhio secco

Perizie C.T.P. per consulenza Medico-Legale per Invalidità Civile e Penale

Consulente Medico-Legale CTU per conto del Tribunale Civile e Penale di Bari

Riceve in BARI - Via Benedetto Cairoli, 105

Tel./Fax. 0805247458.

Cell. 3355746830

Inoltre ORTOTTICA - TERAPIA dell' OCCHIO SECCO

CONTATTOLOGIA MEDICA ED ORTOCHERATOLOGICA

PERIMETRIA COMPUTERIZZATA

OCT - FAG - TOPOGRAFIA CORNEALE E TOMOGRAFIA CORNEALE eseguita con PENTACAM

LASER ECCIMERI-ARGON-YAG-DIODI PULSATO - FENTOMLASER

Interventi per Glaucoma, Cataratta, Retinopatie Ipertensive e Diabetiche, Maculopatia Senile

Chirurgia palpebrale Estetica di superficie

OCT in 3D per le Maculopatie Senili e Diabetiche e Patologie

della CORNEA per CHERATOCONO

da trattare con CROSS-LINKING e IONTOFORESI CORNEALE

PREVENZIONE e TRATTAMENTI e TRATTAMENTI PER LA RETINOPATIA IPERTENSIVA

PREVENZIONE e TRATTAMENTI PER LA MACULOPATIA SENILE (AMD O DMLE)

PREVENZIONE e TRATTAMENTI PER IL GLAUCOMA

PREVENZIONE e TRATTAMENTI PER IL CHERATOCONO

Orari di visita


Legenda:
Tipo di visita
Senza appuntamento
Per appuntamento
Altro
Indirizzo struttura
Studio di Microchirurgia Oftalmica Laser dr. Tritto Martino Mariano
Ulteriori informazioni disponibili
Posizionare il mouse su un periodo di tempo per visualizzare tutte le informazioni disponibili
Ulteriori informazioni
- Mercoledì, 17:00 - 20:30, Studio di Microchirurgia Oftalmica Laser dr. Tritto Martino Mariano: Per esami OCT e TOPOGRAFIE CORNEALI
- Venerdì, 18:30 - 20:30, Studio di Microchirurgia Oftalmica Laser dr. Tritto Martino Mariano: Per diagnostica Pre Chirurgica
  • COME RIDURRE od ELIMINARE LE MIODESOPDIE

    Per poter diminuire la presenza di CORPI MOBILI ENDOVITREALI le cidette mosche volanti o più propiamente le MIODESOPSIE si può usare un trattemento YAG-LASER che le disintegra o le riduce e le mobilizza in sede retinica periferica con l'ARGON-LASER.

  • Galleria immagini

    Il testo qui

Ulteriori informazioni su...

  • QUALI SONO I VANTAGGI DELLA CHIRURGIA REFRATTIVA?

    QUALI SONO I VANTAGGI DELLA CHIRURGIA REFRATTIVA?

    Sono noti diversi disturbi della visione derivanti da un difetto della rifrazione dei raggi luminosi all'interno dell'occhio. La chirurgia refrattiva è una tecnica che consente di porre rimedio a questo difetto.
    Leggi

    Testo
  • Infiammazioni oculari

    Infiammazioni oculari

    Informazioni di base.
    Leggi

    Testo
  • Diabete e occhi

    Diabete e occhi

    Lei è diabetico/a, il Suo fondo dell'occhio deve essere controllato ogni anno, perché il rischio di disturbi della vista è elevato. La normalizzazione dei livelli di zucchero nel sangue e il controllo oculistico sono le armi migliori per conservare a lungo una buona vista.
    Leggi

    Testo
  • TRATTAMENTO con il LASER ad ECCIMERI

    TRATTAMENTO con il LASER ad ECCIMERI

    COME AVVIENE e COSA SI PROVA DURANTE IL TRATTEMENTO CON IL LASER AD ECCIMERI PER L'ABOLIZIONE DEI DIFETTI REFRATTIVI, MIOPIA, ASTIGMATISMO ed IPERMETROPIA.
    Leggi

    File
  • SINDROME DA OCCHIO SECCO

    SINDROME DA OCCHIO SECCO

     Occhio secco | Cos'è Sindrome occhio secco | Studio Vichi'occhio secco è una patologia oculare che consiste in un'alterazione qualitativa e quantitativa del film lacrimale. Le funzioni principali del film lacrimale sono difesa, lubrificazione, nutrizione, trasparenza ottica e pulizia, e rappresenta la principale difesa alle infezioni batteriche corneali e congiuntivali assieme alla palpebra. Questa patologia, conosciuta anche come "sindrome dell'occhio secco", può provocare lesioni alle strutture esterne dell'occhio: la ridotta produzione o eccessiva evaporazione delle lacrime procura danno alla superficie oculare esposta, in quanto vengono perse le caratteristiche pulenti e lubrificanti delle lacrime. In questo modo si espone l'occhio ad un maggiore attrito dovuto al movimento palpebrale e ad un maggiore rischio di infezioni. L'occhio secco si distingue in due forme: ipolacrimia, cioè da ridotta produzione di lacrime e dislacrimia, da eccessiva evaporazione. Quest'ultima è la forma assolutamente più frequente, e le cause sono diverse: Età avanzata. Con il passare degli anni si verifica un'atrofizzazione delle ghiandole lacrimali causando una progressiva alterazione qualitativa della lacrima stessa. Menopausa e gravidanza. Nelle donne, a causa dei nuovi equilibri ormonali, le ghiandole lacrimali vanno incontro ad una progressiva atrofia della porzione esercente. Lenti a contatto. Il loro uso prolungato può notevolmente aumentare l'evaporazione delle lacrime. Alterazioni palpebrali. Riduzione dell'ammiccamento (videoterminalisti, persone affette da Parkinson), assenza di una perfetta congruità del bordo palpebrale, frequente nei pazienti anziani, infiammazioni croniche. Farmaci. Antidepressivi, antipertensivi, antiaritmici, antiulcera, antistaminici, diuretici, ormoni ed immunosoppressori possono inibire la produzione delle lacrime. Occhio secco | Sintomi Sensazione di corpo estraneo negli occhiBruciorePruritoIpersensibilità alla luceDifficoltà nell'apertura palpebrale al risveglio - Difficoltà di ammiccamentoSensazione di occhio bagnatoAppannamento visivo Sensazione di sabbia o corpo estraneo nell'occhio Bruciore Prurito Fotofobia (fastidio alla luce) Difficoltà nell'apertura palpebrale al risveglio Sensazione di occhio bagnato Difficoltà di ammiccamento Appannamento visivo La sintomatologia è soggettiva ed aumenta in particolari condizioni ambientali, come nell'esposizione al vento o al caldo secco, in ambienti poco umidi e in presenza di fumo, aria condizionata o riscaldamento. Occhio secco | Diagnosi Durante la normale visita oculistica, il medico può sottoporre il paziente ad alcuni test per individuare le alterazioni qualitative e quantitative della lacrimazione. Il BUT test (test di rottura del film lacrimale), permette di avere una valutazione qualitativa del film lacrimale. Eseguito con l'esame al biomicroscopio, viene apposta della fluoresceina nel sacco congiuntivale, osservando e misurando quanti secondi impiega il velo di lacrime sulla superficie della cornea ad interrompersi, togliendo così protezione e lubrificazione alla cornea stessa. Test di Shirmer sindrome occhio secco | Studio Vichi Il test di Shirmer, invece, consente la misurazione quantitativa della produzione lacrimale. Questo test viene eseguito introducendo due piccole strisce di carta assorbente all'interno del fornice palpebrale inferiore di entrambi gli occhi e misurando la porzione di carta inumidita dopo 2-3 minuti. Occhio secco | Trattamento Terapia farmacologica Il farmaco perfetto per curare la ipolacrimia sarebbe la sostanza che stimoli le ghiandole lacrimali principali ed accessorie ad una secrezione quantitativamente e qualitativamente più corretta. Allo stato attuale, questa sostanza non esiste. È tuttavia possibile praticare una terapia sostitutiva e/o correttiva a base di colliri, gel, lacrime artificiali, che possiedono sostanze dall'azione detergente, lubrificante e disinfettante simili a quelle dellel lacrime naturali. Sconsigliamo l'auto-prescrizione di colliri a base di lacrime artificiali, in quanto un medico oculista può effettuare un preciso inquadramento diagnostico ed una migliore prescrizione terapeutica, adatta a tutte le differenze che possono presentarsi caso per caso. Terapia con lenti a contatto Nel caso in cui la terapia farmacologica non fosse sufficiente, o se dovesse esistere il rischio di danni alla cornea (cheratocongiuntivite secca), è possibile usare particolari lenti a contatto che proteggono la superficie oculare dall'effetto abrasivo delle palpebre. L'uso delle lenti è tuttavia spesso poco attuabile in quanto, in caso di ipolacrimia con marcata riduzione della componente acquosa, le lenti a contatto sono mal tollerate. Nel caso invece ci si trovi in presenza di una cheratite filamentosa, l'uso delle lenti a contatto sarà di grande aiuto: ridurranno fortemente i dolori e renderanno più efficaci i farmaci lubrificanti prescritti. Le lenti a contatto monouso giornaliere sono decisamente consigliate in quanto, la possibilità di usare ogni mattina una lente nuova e sterile, potrebbe aiutare a superare alcune delle cause di intolleranza dalle lenti a contatto nelle ipolacrimie legate all'eccesso di scorie e depositi sulla superficie della lente deteriorata o poco lavata dal flusso lacrimale. (verificare l’assenza di controindicazioni da parte del medico oculista) Terapia chirurgica Ragon laser | occhio secco | Studio VichiPunctum plus | occhio secco | Studio VichiUn metodo utile per capire se sia il caso di intervenire chirurgicamente, è quello dell'occlusione provvisoria con tappi di acido ialuronico. Questi tamponi, inseriti nei condotti di scarico lacrimali, si disciolgono in breve tempo, fra i 4 e i 7 giorni. Se in questo periodo avviene una riduzione della sintomatologia, il metodo dell'occlusione si dimostra efficace, in quanto permette una migliore lubrificazione dell'occhio. Si può dunque ricorrere alla chiusura definitiva mediante l'uso di punctum plus o del raggio laser, argon laser. Occhio secco | Consigli pratici Bevete molti liquidi, curate adeguatamente l'igiene del bordo palpebrale e mantenete un'adeguata umidità degli ambienti in cui vivete, soprattutto se questi sono asciutti, riscaldati o ventilati. Gli impianti di condizionamento deumidificano troppo l'aria e creano un'eccessiva ventilazione. Molto importante è anche un buon ammiccamento oculare. Molto spesso questo è raro o incompleto: ricordate che si può imparare ad ammiccare regolarmente e completamente.
    Leggi

    Testo

Informazioni sullo studio

Dott. Martino Mariano Tritto

Oftalmologia

Ulteriori dettagliTariffarioContattami

Indirizzo struttura

Studio di Microchirurgia Oftalmica Laser dr. Tritto Martino Mariano
Via Benedetto Cairoli, 105
Bari
70122 BARI

Tel.:  0805247458
Fax:  0805247458
Cellulare :  3355746830 - 3663043954

Orari di apertura:

          su prenotazione telefonica:

il LUNEDI   dalla ore 15,00 alle ore 20,00

il GIOVEDI dalle ore 15,00 alle ore 20,00

il VENERDI su prenotazione per la chirurgia



Parcheggi nelle vicinanze

Curriculum   Vitae

Europass Informazioni personali

Cognome(i) / Nome(i) Tritto Martino

Indirizzo(i)via Benedetto Cairoli, 105, 70122 BARI (Studio)  Italia - (residenza Via B. Cairoli, 100 – Bari)

Telefono  0805247458 - Cellulare3355746830

                 Fax 0805247458

E-mail- trittomartinomariano@yahoo.it

Cittadinanza Italiana

Data di nascita17/08/1955

Sesso Maschile

Occupazione desiderata /  Consulente Responsabile collaboratore delle Problematiche degli Specialisti                                                         

Settore professionale  Ambulatoriali sul Territorio Nazionale

Esperienza professionale

Date12/10/1982 - 12/01/1985

Lavoro o posizione ricoperti Tenente Medico Dirigente del Reparto di Oftalmologia

Principali attività e responsabilità Responsabile Dirigente del Reparto Oftalmico dell'Ospedale Militare di Bari

Nome e indirizzo del datore di lavoro Ministero della Difesa Corpo dell'Esercito Italiano

   Ospedale Militare Bonomo, 70100 Bari (Italia)

Tipo di attività o settore Capitano Medico Specialista in Oftalmologia

Date01/05/1986 - 31/10/1986

Lavoro o posizione ricoperti Assistente Oculista a tempo pieno

Principali attività e responsabilità Assistente Oculista Presso il Reparto di Oftalmologia Pediatrica

Nome e indirizzo del datore di lavoro Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII     via Amendola, 70100 Bari (Italia)

Tipo di attività o settore Assistente del reparto di Strabologia e cataratta congenita

Date16/11/1986 - 15/07/1987

Lavoro o posizione ricoperti Assistente Oculista vincitore di Concorso

Principali attività e responsabilità Responsabile del trattamento e della prevenzione della Retinopatia Diabetica e del centro di

    Prevenzione del Glaucoma

Nome e indirizzo del datore di lavoro Ospedale Civile di Martina Franca (TA)

  Martina Franca (TA)  (Italia)

Tipo di attività o settore Aiuto a tempo determinato in Oftalmologia Date04/09/1987 - 10/11/2011

Lavoro o posizione ricoperti Oculista Specialista Ambulatoriale Interno coordina tare del D.S.S. n.°11 di Bari

Principali attività e responsabilità Responsabile del Day Service Oftalmologico della prevenzione del Diabete ed Ipertensione e dell'oftalmologia

  Pediatrica Scolastica del D.S.S. N.° 11 Mola di Bari e di Rutigliano

Nome e indirizzo del datore di lavoro ASL BARI  Mola di Bari (Italia)

Pagina 1 / 4 - Curriculum vitae di Per maggiori informazioni su Europass: http://europass.cedefop.europa.eu

Tritto Martino © Unione europea, 2002-2010 240820                         10

Tipo di attività o settore Dirigente di I livello Oculista Ambulatoriale Interno

Date01/04/1982 - 31/12/1993

Lavoro o posizione ricoperti Docente Incaricato di Anatomia e Patologia Oculare

Principali attività e responsabilità Docente incaricato per Titoli ed Esami, dalla Regione Puglia Assessorato per la Formazione Professionale

Nome e indirizzo del datore di lavoro Istituto Regionale Superiore di Scienze Optometriche

    Assessorato per la Formazione Professionale della regione Puglia, 70121 Bari (Italia)

Tipo di attività o settore Docente di Oftalmologia ed Ottica Fisica e Medica in qualità di Specialista in Oftalmologia

Istruzione e formazione

Date1974 →

Titolo della qualifica rilasciata Maturità Scientifica (60/60 e l)

Nome e tipo d'organizzazione Liceo Scientifico Statale Enrico Fermi

erogatrice dell'istruzione e formazione Bari (Italia)

Livello nella classificazione nazionale o  Maturità Scientifica (Scuola Superiore)

internazionale

Date27/02/1981 →

Titolo della qualifica rilasciata Laurea in Medicina e chirurgia

Principali tematiche/competenza Ecografia, farmacologia in Oftalmologia, Glaucoma, trattamento Retinopatie e Chirurgia segmento anteriore

professionali acquisite

Nome e tipo d'organizzazione Università degli Studi di Medicina e Chirurgia di Bari

erogatrice dell'istruzione e formazione Bari (Italia)

Livello nella classificazione nazionale o Laurea in Medicina e Chirurgia (110/110 e l)

internazionale

Date04/1981 →

Titolo della qualifica rilasciata Abilitazione all'Esercizio Professionale

Nome e tipo d'organizzazione  Facoltà di Medicina e chirurgia erogatrice dell'istruzione e formazione  Bari (Italia)

Livello nella classificazione nazionale o  Abilitazione ed Iscrizione all'Ordine dei Medici Chirurghi di Bari

internazionale

Date17/07/1985 →

Titolo della qualifica rilasciata Specializzazione in Oftalmologia

Nome e tipo d'organizzazione  Istituto di Clinica Oculista Universitaria

erogatrice dell'istruzione e formazione Ospedale Consorziale Policlinico di Bari, Bari (Italia)

Livello nella classificazione nazionale o  Specializzazione in OFTALMOLOGIA ex Oculistica (Dirigente di I livello)

internazionale

Capacità e competenze     

personali

Madrelingua(e)Italiano

Altra(e) lingua(e)

ComprensioneParlatoScritto

Autovalutazione

 

Livello europeo (*)AscoltoLetturaInterazione oraleProduzione orale

IngleseB2 Utente autonomo C2 Utente avanzato B2 Utente autonomo B2 Utente autonomo C2 Utente avanzato

Spagnolo /  castigliano     B1Utente autonomo  B2 Utente autonomo B1 Utente autonomo B1 Utente autonomo B2 Utente autonomo

Pagina 2 / 4 - Curriculum vitae di Per maggiori informazioni su Europass: http://europass.cedefop.europa.eu

Tritto Martino © Unione europea, 2002-2010 240820 10

 

(*) Quadro comune europeo di riferimento per le ling ue

Capacità e competenze sociali Coordinatore responsabile Territoriale degli Specialisti Ambulatoriale Interni della provincia di Bari

Capacità e competenze organizzative sottoscritto è coordinatore Responsabile Legale Territoriale degli Specialisti Ambulatoriali pugliesi del

Service Oftalmologico preventivo del Diabete, Ipertensione e Glaucoma presso D.S.S..di Mola di Bari ed è in grado di eseguire interventi ambulatoriali di Facoemulsificazione della Cataratta, del Glaucoma e di

Fotocheratoablazione con Laser ad Eccimeri per la correzione della miopia, astigmatismo ed

ipermetropia e di profilassi Argon Laser delle retinopatie ipertensive, Diabetiche e del distacco di

retina. Attualmente è Presidente della Commissione di disciplina contro l’esercizio abusivo delle Professioni Mediche, presso l’Ordine dei Medici chirurghi di Bari.

Capacità e competenze tecniche si è interessato di Ortottica e di Chirurgia della cataratta congenita e della retinopatia dei Prematuri                                          

                                     nell’Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII, mentre, durante la sua permanenza con il Prof. Di Comite, nell’Ospedale di Martina Franca, si è occupato di interventi di estrazione extracapsulare della cataratta extracapsulare della cataratta, di facoemulsificazione e di impianto di I.OL. in CP. (interventi),eseguendo biometrie, Fluorangiografie e trattamenti Argon-Laser, sia per la profilassi del distacco di retina, che per il trattamento Parachirurgico del glaucoma (Trabeculoplastiche tradizionali ed attualmente selettive e Gonioplastiche ARGON LASER e YAG LASER, e per il trattamento della retinopatia diabetica ed ipertensiva.

Attualmente si interessa di Patologie del Segmento Anteriore di Chirurgia Refrattiva e di Dislacrimie oltre

che di prevenzione della DMLE e del Glaucoma Terapia Medica e Chirurgica.

Capacità e competenze informatiche Ottimo conoscitore di Linguaggi di programmazione informatica e di computers, ed è in grado di

utilizzare tutte le attrezzature Oftalmologiche computerizzate e Laser anche le più recenti attualmente in commercio.( GDX, MATRIX, OCT3, UBM, ARGON – YAG LASER e LASER ad ECCIMERI  a FEMTOSECONDI, LASER PULSATI ed a DIODI, TOPOGRAFIA ed ABERROMETRIA, PACHIMETRIE AD ULTRASUONI od ad INFRAROSSO, FLUORANGIOGRAFIE ed AG ad INDOCIANINA, RETINOGRAFIE, PENUMOTONOMETRIE,TONOMETRIE COMPARATIVE, LASER TERAPIE VARIE ed AUTOCHERATOREFRATTOMETRIE e quant’altro per il trattamento tecnologico della IPOVISIONE).

 

Capacità e competenze artistiche Hobby per la Fotografia artistica. Scrive Musica (colonne Sonore) e studia Biotecnologie per l’Oftalmologia

                                  

Altre capacità e competenze suona il Pianoforte e qualsiasi tipo di strumento a tastiera, avendo eseguito ben 8 anni di studi di Privati

    di Musica (pianoforte e tastiere varie)

Patente AeB

Ulteriori informazioni Consigliere del direttivo dell'A.I.M.O. e Presidente Commissione di Disciplina Ordine dei Medici di Bari      

                Allegati Vecchie Pubblicazioni eseguite:

1) “Possibility of recognizing the nature of endobulbar foreign bodies” Communication to :4thEuropean

Congress on Ultrasound in Medicine. Du-brovnik - Cavtat. Jugoslavia. May 17-24.1981 ;

2) “Relazione clinica sul prodotto ALFAFLOR;

3) “Relazione clinica sul: DESALFA Collirio e DESALFA Pomata Oftalmica” 1982.

4) “Moderni aspetti della semeiotica dei tumori coroidea”;

Atti del V Congresso Nazionale S.I.C.O., Bari - Bisceglie, 12-l4-novembre 1981; (Pubblicato su Folia

Oncologica);

5) “Neuropatia Ottica Ischemica Anteriore :studio clinico statistico di 68 casi ”. (Pubblicato su Clinica e

Patologia Oculare);

6) “Studio statistico sulla correlazione Glaucoma e Miopia “.;

Pubblicato sugli Annali di Oftalmologia e Clinica Oculistica Vol.CXII,n°3 del Marzo 1986;) “Asportazione di neurinoma orbitario per via laterale osteoplastica”. Videocassetta e

Pagina 3 / 4 - Curriculum vitae di Per maggiori informazioni su Europass: http://europass.cedefop.europa.eu

Tritto Martino © Unione europea, 2002-2010 240820 10

 

 

7) “Asportazione di un neurinoma orbitario per via laterale osteoplastica”. Videocassetta e

pubblicazione. Presentata al 65 °. Congresso S.O.I.

del 5-8 dicembre 1985 - Siena;

8) Foto di riproduzione di POSTER presentato al IX SIDUO del 22-23 luglio 1982 a Leeds (GB);

 con fotocopie degli abstract.

 

9) “Effetti del Carteololo all'1 e 2% in soggetti con ipertono secondario a cataratta diabetica

intumescente, a cataratta ipermatura (glaucoma esfo-liativo) ed a Glaucoma pigmentario”.(Pubblicato

sul Bollettino di Oculistica. - Anno 73 -numero 5-1994).

Attualmente è coinvolto in uno studio Multicentrico sulla DML E e sul Glaucoma


come raggiungerci

Galleria immagini

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.