Ai contenuti

Guida medica personale

NEWS

Alopecia androgenetica

Alopecia androgenetica

L'alopecia androgenetica, anche detta calvizie comune, colpisce entrambi i sessi ma è più frequente nel sesso maschile, in quanto gli ormoni androgeni (ormoni maschili), sono un fattore determinante nella comparsa della malattia.


Il ciclo del capelllo

Il capello cresce inmedia 1 cmalmese per 2-4 anni, poi entra nella fase di involuzione (2-3 settimane) che precede la fase
di riposo (3 mesi). Trascorso questo periodo il “nuovo” capello continua a crescere riprendendo il normale ciclo; la sua
caduta è legata al continuo ricambio al quale è sottoposto. Si può considerare normale la caduta di 10/100 capelli al
giorno, considerando la frequenza di fattori meccanici (lavaggi e spazzolature) che provocano il distaccamento dei capelli
in riposo. E’ invece anormale perdere più di 100 capelli al giorno. La caduta dei capelli è soggetta ad una stagionalità (autunno
e primavera), le cui cause non sono ancora ben note, ma è stato provato che un’ eccessiva esposizione al sole durante
l’estate possa causare una considerevole perdita di capelli durante l’autunno:
-Il ciclo del capello è un processo lento; qualsiasi trattamento per la perdita dei capelli richiede tempo prima che si possano notare i benefici

L’alopecia: un problema maschile o femminile?

L’alopecia affligge circa il 50% delle donne nel corso della vita. Nella donna lamalattia ha 3 modalità principali di esordio:
- Spesso compare dopo la menopausa, quando gli ormoni estrogeni si riducono e proporzionatamente aumentano
gli ormoni maschili.
- Talvolta insorge precocemente, durante la pubertà, spesso causata da una dieta dimagrante.
In alcune donne compare subito dopo una gravidanza, causata dallo stress e dalla carenza di ferro che spesso insorgono durante l’allattamento. Negli uomini è molto più frequente,
essendo determinata dalla presenza di ormoni maschili.

La caduta dei capelli è sempre sinonimo di calvizie?

Queste due situazioni vengono spesso interscambiate, quando in realtà non lo sono: la calvizie provoca un assottigliamento
dei capelli e non la loro perdita. Nella fase iniziale della calvizie, infatti, se i capelli cadono più del normale, non è a causa della calvizie stessa; in questo caso, le cause vanno individuate altrove e rimosse, se si vuole evitare un rapido peggioramento.
Diversamente, nelle fasi avanzate della calvizie, i capelli assottigliati hanno una durata del ciclo di crescita più corta e quindi cadono più
del normale.
E’ sempre importante stabilire se un eventuale aumento della caduta dei capelli, è solo conseguenza della calvizie o se deriva da altri fattori. Solo il dermatologo può effettuare una corretta diagnosi in quanto le malattie dei capelli sono numerosissime.

La calvizie comune maschile è detta anche alopecia androgenetica, perché? 

Perché per la sua comparsa sono necessarie due cause concomitanti:
- Ormoni androgeni (ormoni maschili)
- Predisposizione genetica (cioè ereditaria)
Sono ancora sconosciuti i geni che predispongono alla calvizie: è considerata una malattia poligenica proprio perché causata
da molti geni diversi. Si conosce invece il meccanismo attraverso il quale gli ormoni androgeni agiscono sul capello: la sensibilità dei capelli agli ormoni androgeni dipende soprattutto da un enzima (5-α reduttasi di tipo II), che converte il testosterone, (T, l’ormone maschile principale) nel suo derivato più potente (diidrotestosterone o DHT). L’enzima 5-α reduttasi è espresso anche dalle cellule del follicolo
pilifero; i follicoli delle aree del cuoio capelluto che sviluppano la calvizie esprimono una maggiore quantità di questo enzima e quindi producono più DHT rispetto ai follicoli delle aree del cuoio capelluto che non sono colpite dalla malattia. Il diradamento è provocato dal DHT: producendo una maggiore quantità di DHT,mediante la conversione del T attraverso la 5-α reduttasi , i capelli si assottigliano sempre
di più fino a diventare invisibili.

Quali aree del cuoio capelluto sono colpite dalla calvizie?

La calvizie colpisce solo alcune aree del cuoio capelluto: l’attaccatura dei capelli (zona frontale) e la porzione anteriore e superiore della testa
(zona temporale). I capelli in queste zone vanno incontro ad un progressivo diradamento e, col progredire del tempo, diventeranno un’
invisibile peluria. 

Come prevenire la calvizie?

Non sempre l’indebolimento dei capelli dipende dall’attività del follicolo pilifero, a volte siamo noi stessi gli artefici del problema. Infatti una generale diminuzione del numero dei capelli può essere causata da traumi esterni. Per prevenire la caduta dei capelli è importante seguire una serie di norme igieniche:
- Evitare diete drastiche e mangiare sano.
- Proteggere i capelli dal sole e dalle lampade abbronzanti.
- Non fumare ed evitare anche il fumo passivo.
- Lavare spesso i capelli (almeno 3 volte alla settimana, ma anche più spesso se sono grassi), perché la forfora ed il prurito
del cuoio capelluto ne favoriscono la perdita.

La calvizie va trattata?

Se non trattata la calvizie peggiora in modo più o meno rapido. Infatti, contrariamente a quanto si è sempre pensato, la progressione della calvizie non è affatto graduale: in soli 5 anni il 100% dei soggetti non trattati peggiora notevolmente: la perdita media di capelli è di
270 capelli per 3 cm² (le dimensioni della moneta da 1 euro). Vale a dire che se consideriamo che l’area del cuoio capelluto affetta dalla calvizie è almeno 10 volte più grande, la perdita media di capelli in 5 anni è di 2700 capelli. Considerando che la densità follicolare del cuoio
capelluto è di 200-400 per cm², la percentuale di capelli persa varia dal 25% al 50%. Ogni anno in pratica si perdono definitivamente un numero considerevole di capelli: non trattare immediatamente la calvizie significa non poterli più recuperare. La caduta dei capelli
provoca disagi psichici come ansia, depressione e scarsa sicurezza personale. Soprattutto nei giovani, il diradamento dei capelli può essere vissuto come una grave limitazione fisica e causare problemi psicologici, ecco perché è importante rivolgersi tempestivamente ad un
dermatologo.

Quali trattamenti?

E’ importante valutare inmaniera oggettiva lo stato di salute del capello, al fine di ottenere un quadro analitico e completo, presupposto fondamentale affinchè lo specialista dermatologo possa diagnosticare l’alopecia androgenetica nella sua fase iniziale, impostare la terapia più opportuna e verificarne nel tempo i risultati.
Oggi sono disponibili terapie mediche e trattamenti chirurgici molto efficaci. Esistono farmaci in grado di arrestare la caduta dei capelli e spesso di indurne la ricrescita. I risultati si possono ottenere con un trattamento prolungato e costante nel tempo.
- Trattamenti farmacologici locali: si tratta di terapie a base di preparati dermatologici. Spesso si tratta di lozioni ad uso topico che si applicano direttamente sulla cute.
- Trattamento chirurgico: l’autotrapianto è una tecnica chirurgica in cui i follicoli piliferi prelevati dalla regione nucale, non soggetti
all’effetto degli ormoni androgeni, vengono innestati nell’area di calvizie.
- Terapia farmacologica orale: si tratta di una terapia farmacologica orale che agisce sulmeccanismo ormonale che è alla base dell’alopecia
androgenetica; se il DHT è la causa dell’alopecia androgenetica e deriva dalla trasformazione del testosterone (T) attraverso la 5-α reduttasi
bloccare la trasformazione del T in DHT favorisce l’arresto della caduta e può ripristinare la ricrescita dei capelli.

Il presente materiale non intende in alcuna maniera, né direttamente, né indirettamente, delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica. E' necessario, pertanto, consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi cambiamento dello stile di vita".  Le informazioni contenute nella scheda sono utilizzabili solo dopo che il medico curante ha verificato la presenza delle controindicazioni all’uso nel singolo paziente.

 

 

 

<Paolo Spriano, Medico di Medicina Generale Milano>

Data pubblicazione:   21/11/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Maria Cristina Luvarà

Dermatologia-Venereologia

Ulteriori dettagliContattami

Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.