Ai contenuti

Guida medica personale

Calcolatore stato di salute

Sono sieropositiva e incinta

Sono sieropositiva e incinta

Essere mamma La sieropositività non cambia nulla nel ruolo della madre. Come tutte le madri del mondo, si prenderà cura del suo neonato. Tuttavia, potrà capitare di sentirsi particolarmente stanche a causa della terapia e che si debba far fronte a differenti problematiche, è necessario non permettere all'angoscia e al senso di colpa di instaurarsi. Cercate l'aiuto dei vostri prossimi. È consigliabile parlarne con il proprio medico.


Quali sono i rischi per il bambino?

Se la gravidanza viene monitorata e trattata come si deve, il rischio di trasmissione virale al bambino risulta essere dell'1 - 2%.

Quali sono i rischi per la madre?

La malattia non verrà aggravata dalla gravidanza.

La situazione personale, i sentimenti, i timori, la propria fragilità sollevano interrogativi, inquietudini, angosce... Non esitare a parlarne durante il consulto. L'affiancamento non è unicamente di tipo medico. Viene dato ascolto alle pazienti per alleviare le loro difficoltà.

Sono sieropositiva e incinta

Sono sieropositiva e incinta


Come avverrà il monitoraggio?

Il monitoraggio avverrà come nel caso di tutte le donne che presentano una gravidanza a rischio. Avverranno incontri con svariati specialisti che lavorano in équipe:

  • Ostetrico e levatrice una volta al mese.
  • Infettivologo almeno una volta al trimestre, perfino una volta al mese in caso di manifestazioni cliniche o biologiche particolari.
  • Pediatra.
  • Assistente sociale e psicologo, se necessario.

Verrà somministrato un trattamento antiretrovirale specifico, la cui natura dipenderà dalle scelte dell'équipe che ne discuterà con la paziente: se si è già in cura, non necessariamente tale terapia sarà la stessa. Se non si è ancora in cura, verrà prescritta una terapia adattata allo stato della paziente.

In assenza di problemi particolari collegati alla gravidanza, e se non si è mai subito un cesareo, il parto avverrà normalmente come per la maggior parte delle donne. Tuttavia se l'ostetrico lo giudica necessario potrà proporre un cesareo.

Come verrà monitorato il neonato?

L'allattamento non è possibile perché presenta rischi importanti di trasmissione.

Il neonato sarà posto sotto trattamento antiretrovirale alla nascita per un periodo dalle quattro alle sei settimane: sarà il pediatra a determinare la terapia e la sua durata.

La ricerca del virus si effettua alla nascita, poi a 1 mese, 3 mesi e 6 mesi. A questa età e in assenza di allattamento, si può affermare che il bambino non è contaminato.

Nella maggioranza dei casi, se la madre è stata monitorata, trattata e se avrà osservato scrupolosamente la terapia, con ogni probabilità il risultato sarà negativo.

Essere mamma

La sieropositività non cambia nulla nel ruolo della madre. Come tutte le madri del mondo, si prenderà cura del suo neonato. Tuttavia, potrà capitare di sentirsi particolarmente stanche a causa della terapia e che si debba far fronte a differenti problematiche, è necessario non permettere all'angoscia e al senso di colpa di instaurarsi.  Cercate l'aiuto dei vostri prossimi. È consigliabile parlarne con il proprio medico.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia)". Traduzione e revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.

Data pubblicazione:   22/04/14
 
 

Informazioni sullo studio

Prof. Lamberto Coppola

Andrologo, Ginecologo e Sessuologo. Medicina di Coppia. Fisiopatologia della Riproduzione Umana.

Ulteriori dettagliTariffario

Documenti correlati

Mi proteggo contro le infezioni sessualmente trasmissibili
Mi proteggo contro le infezioni sessualmente trasmissibili
Queste malattie sono sempre attuali, con una netta recrudescenza per le persone infette da HIV in ragione di comportamenti a rischio. L'immunodepressione dei pazienti li rende più vulnerabili: le IST (infezioni sessualmente trasmissibili) sono più gravi. Il miglior mezzo per proteggersi è la prevenzione.
Leggi
Testo
Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.