Ai contenuti

Guida medica personale

I trattamenti

In caso di trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, è necessario monitorare la tiroide.

In caso di trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, è necessario monitorare la tiroide.

L'amiodarone è un farmaco che contiene molto iodio, ampiamente prescritto per le malattie cardiache e che può modificare il funzionamento della tiroide.


Che rapporto c'è tra la terapia cardiaca e la tiroide?

Il fatto che si assume l’amiodarone. Si tratta di un farmaco molto utile nel trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco.
Tuttavia, tale farmaco contiene grandi quantità di iodio e può, per tale ragione, alterare la produzione di ormoni tiroidei e provocare un ipotiroidismo o un ipertiroidismo.
L’ipotiroidismo sopravviene, in genere, nei mesi successivi all'inizio del trattamento, mentre l'ipertiroidismo può insorgere perfino dopo svariati anni di terapia.

Quale monitoraggio della tiroide è necessario in caso di terapia con amiodarone?

Il monitoraggio si basa esclusivamente sul dosaggio regolare e sistematico del TSH (abbreviazione di Thyroid Stimulating Hormone; tale ormone stimola, con la propria presenza, il funzionamento della tiroide): al momento della prescrizione, ogni 3 mesi circa durante il primo anno di terapia, poi tutti gli anni. Ciò permette di rilevare precocemente un eventuale malfunzionamento della tiroide e di evitare qualsiasi problema.
Il TSH deve anche essere dosato in caso di sintomi che indicano il malfunzionamento della tiroide.

Seguo un trattamento con amiodarone e mi è stato diagnosticato un ipertiroidismo: è necessario interrompere la terapia?

Sì, perché l'ipertiroidismo è pericoloso per il cuore. Ma non c'è urgenza: non si deve mai modificare una prescrizione medica senza averne parlato prima con il medico o il cardiologo.
Malgrado la sospensione dell'amiodarone, si renderà forse necessaria una terapia contro l'ipertiroidismo, poiché quest'ultimo potrebbe impiegare molto tempo a scomparire.

In caso d'ipotiroidismo, è necessario sospendere l'amiodarone?

No. L'ipotiroidismo non è una malattia grave e può essere facilmente compensato con piccole dosi di ormoni tiroidei.
È preferibile dare la priorità al trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco con l'amiodarone e trattare l'ipotiroidismo senza interrompere l'assunzione dell'amiodarone.

La terapia con amiodarone è importante: tiene sotto controllo i disturbi del ritmo cardiaco e protegge il cuore. L'amiodarone determina un rischio di malfunzionamento della tiroide, ma esso può tuttavia essere prevenuto grazie al monitoraggio sistematico e a una terapia adatta .

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia)". Traduzione e revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.

Data pubblicazione:   24/03/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Ercole Tagliamonte

Cardiologia

Contattami

Documenti correlati

Mi sottoporrò ad un impianto di pacemaker
Mi sottoporrò ad un impianto di pacemaker
Mi sottoporrò ad un impianto di pacemaker
Leggi
Testo
Soffro di disturbi del ritmo cardiaco: capisco la mia malattia
Soffro di disturbi del ritmo cardiaco: capisco la mia malattia
In alcune persone, il ritmo cardiaco è irregolare. Il cuore non assicura più normalmente la sua funzione di pompaggio e le conseguenze possono essere molto gravi.
Leggi
Testo
Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.