Ai contenuti

Guida medica personale

Calcolatore stato di salute

Mio figlio porterà le lenti a contatto

Mio figlio porterà le lenti a contatto

A mio figlio sono state proposte le lenti a contatto.


A partire da quale età si possono iniziare a portare le lenti a contatto?

L'età minima di applicazione delle lenti a contatto dipende dall'indicazione ovvero dal motivo dell'adattamento. L'adattamento deve essere effettuato dall'oftalmologo.

 

  • Dalla nascita sino all'età di 6 anni, le indicazioni sono sanitarie.
    È possibile applicare le lenti sin dalle prime settimane di vita, il caso più frequente è quello dei bambini operati di cataratta congenita. Alle scuole materne, le lenti vengono adottate soprattutto dai bambini con forti miopie o ipermetropie, oppure bambini con un difetto visivo significativo a carico di un solo occhio che non hanno un buon equilibrio con gli occhiali. Spesso ai bambini molto piccoli sono applicate lente rigide in quanto queste lenti offrono la massima qualità visiva e sicurezza anche se portate continuativamente giorno e notte.
  • Dai 6 ai 10 anni, quando il bambino frequenta le elementari, le indicazioni sono sempre sanitarie ma a volte si tiene conto anche dell'esigenza di praticare sport.
    Alle scuole elementari, se il bambino prova fastidio indossando gli occhiali correttivi durante le attività quotidiane o sportive, e se lo desidera, potrà adottare le lenti rigide o morbide. In caso di lenti morbide, se possibile vanno privilegiate le lenti monouso giornaliere che non richiedono manutenzione. Affinché il bambino di questa età possa usare le lenti a contatto dovrà imparare come manipolarle da solo in fase di adattamento. Il bambino potrà portare le lenti solo alcuni giorni la settimana oppure tutti i giorni, a seconda delle esigenze.
  • A partire dai 10 anni, quando il ragazzo frequenta le scuole medie o superiori, l'adozione delle lenti a contatto avviene per ragioni sanitarie, sportive ed estetiche e su richiesta del portatore.

Tutte le opzioni sono possibili: lenti rigide da portare tutto il giorno senza interruzioni, lenti morbide giornaliere o a ricambio frequente con manutenzione. La scelta avviene in sede di visita preliminare all'adattamento a seconda della forma dell'occhio, della potenza delle lenti e dell'utilizzo desiderato.

Come fare per adattare un bambino alle lenti?

L'adattamento del bambino non è diverso o più complicato di quello dell'adulto. Indipendentemente dall'età, le spiegazioni vengono fornite direttamente al bambino. I protocolli variano a seconda del tipo di lenti scelte durante la visita preliminare all'adattamento, in funzione delle caratteristiche degli occhi.

Il bambino sarà in grado di indossare, togliere ed effettuare la manutenzione delle lenti?

Sì, i bambini imparano molto in fretta quando sono motivati. Quando il bambino frequenta la materna e le indicazioni sono strettamente sanitarie, i genitori possono occuparsi della manipolazione e manutenzione delle lenti. In questi casi si privilegia il porto prolungato, giorno e notte.
Dalla prima elementare in poi, quando l'esigenza è di natura sportiva o estetica, il bambino porta le lenti solo se è in grado di manipolarle da solo.

Le lenti a contatto sono pericolose per gli occhi?

NO, a condizione che siano adattate e controllate correttamente. Il mancato rispetto delle indicazioni comporta il rischio di infezione sotto le lenti, un evento raro ma grave. Per questo, l'uso delle lenti va interrotto immediatamente in caso di arrossamento o dolore agli occhi.

Chi inizia a portare le lenti a contatto in giovane età, potrà continuare a portarle per tutta la vita?

Sì, le lenti a contatto si sono molto evolute e possono essere portate per tutta la vita. Occorre tuttavia seguire una serie di regole di sicurezza fondamentali.

  • Attenersi scrupolosamente alle norme di igiene e manutenzione.
  • Rispettare il tipo di porto indicato sulla prescrizione: diurno o notturno.
  • Rispettare la frequenza di ricambio delle lenti: quotidiano, quindicinale o mensile.
  • Non cambiare la marca delle lenti senza aver prima consultato il medico.
  • Non cambiare il prodotto di manutenzione prescritto con le lenti.
  • Indossare lenti che permettano di vedere bene.
  • Fare controlli annuali presso l'oftalmologo.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.
Ultima revisione settembre 2011.

Data pubblicazione:   10/10/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Bruno Migliore

Oftalmologia

Ulteriori dettagliContattami

Documenti correlati

IL MIO GLAUCOMA È STATO DIAGNOSTICATO IN TEMPO
IL MIO GLAUCOMA È STATO DIAGNOSTICATO IN TEMPO
Durante una visita oftalmologica di routine, Edmé scopre di essere affetto da glaucoma. Ci rende partecipi delle sue prime reazioni e della sua decisione di curarsi.
Leggi
Testo
Imparare le misure di primo intervento in caso di lesione agli occhi
Imparare le misure di primo intervento in caso di lesione agli occhi
Gli incidenti domestici possono provocare gravi danni alla vista. Proteggere i suoi occhi o quelli dei suoi bambini significa prima di tutto prevenire questi incidenti. Saper far fronte ad un'emergenza in caso di incidente e conoscere le misure di soccorso da prestare in attesa dell'assistenza medica può salvare la vista.
Leggi
Testo
FINALMENTE LIBERO, DOPO L'INTERVENTO CORRETTIVO DELLO STRABISMO
FINALMENTE LIBERO, DOPO L'INTERVENTO CORRETTIVO DELLO STRABISMO
Philippe ha 45 anni. Soffre dalla nascita di una paralisi parziale dell'occhio sinistro con strabismo indotto. Dopo aver consultato uno specialista nello strabismo, si è sottoposto l'anno scorso a un intervento e oggi gode di una vista normale.
Leggi
Testo
Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.