Ai contenuti

Dr. Massimiliano Bellisario - Medico di Famiglia

Una mela al giorno...

Guida all'uso dei farmaci

L'integrazione di vitamina D serve?

L'integrazione di vitamina D serve?

La vitamina D è la seconda classe di spesa farmaceutica del Sistema Sanitario Nazionale, eppure il nostro corpo è in grado di produrla quando ci esponiamo al Sole. Ma è davvero così necessario integrarla?

260 milioni di euro: questa la cifra che ha speso il Sistema Sanitario Nazionale (o meglio noi con le nostre tasse) nel 2017 placare la sete italiana di vitamina D, un derivato del colesterolo che si forma naturalmente nella nostra pelle quando viene esposta al sole. Ricordare questo è fondamentale: basta mettersi in costume a mezzogiorno dai 15 ai 30 minuti per produrre da 10mila a 20mila Unità Internazionali (UI) di vitamina D, quando la dose giornaliera raccomandata dall’OMS è di circa 600 UI (800 UI negli ultra 65enni). Basterebbero 15 minuti al sole, tre giorni a settimana per un mese, per produrre la vitamina D che serve al nostro organismo in oltre 6 mesi.

E allora perché si compra così tanta vitamina D in Italia, “il paese del Sole”? Semplice, marketing. Così come si compra l’acqua in bottiglia nonostante l’acqua del rubinetto sia a volte migliore, è bastato instillare nelle menti il timore che il sole non basti a soddisfare il nostro fabbisogno e affibbiare alla vitamina D dei superpoteri: cura l’osteoporosi, è anti-cancro, stimola il sistema immunitario, funge da anti-depressivo e addirittura previene la sclerosi multipla. E visto che assumere la vitamina D è così facile come mettere due gocce d’olio su un pezzo di pane, il gioco è fatto!

Il problema è che ad oggi nessuna di queste proprietà spettacolari è stata dimostrata in una review su un gran numero di pazienti. Anzi, la mazzata è arrivata poco più di un anno fa quando una meta-analisi ha analizzato l’efficacia nel contrastare quella malattia per cui è proprio “nata” questa integrazione: l’osteoporosi. Sono stati presi oltre 51MILA pazienti a rischio frattura, confrontando l’utilizzo di vitamina D da sola, di calcio, di entrambi assieme o nessuno dei due, con placebo o addirittura con nessun trattamento. Risultato? Che non c’era nessuna differenza sostanziale tra i vari gruppi: in pratica, vitamina D o meno, si fratturavano tutti con la stessa frequenza.
 

Al momento la Società Italiana di Endocrinologia ha visto al ribasso il range di normalità: se prima si considerava normale una concentrazione nel sangue della vitamina a partire da 30 nmol/l, ora è considerata insufficiente una concentrazione al di sotto di 20 nmol/l. Questa revisione restringe di molto la concedibilità del farmaco, visto che l’80% della popolazione italiana viaggia con valori tra 20 e 30. Non solo: poiché non siamo in grado di "mettere da parte" la vitamina D, e che quella in eccesso pare (secondo gli ultimi studi) danneggiare i reni, è preferibile una somministrazione giornaliera a basso dosaggio che una somministrazione quindicinale o mensile di diverse migliaia di Unità.

 

Fonti e approfondimenti: https://portale.fnomceo.it/vitamina-d-e-salute-muscolo-scheletrica/

https://www.healthline.com/nutrition/vitamin-d-from-sun

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24729336

https://jamanetwork.com/journals/jama/article-abstract/2667071

http://www.cmaj.ca/content/191/14/E390

Data pubblicazione:   17/06/19

Creato da:  Dott. Massimiliano Bellisario

 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Massimiliano Bellisario

Medico di Famiglia

    Numeri di assistenza e di emergenza

    Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica): 0353535

    Emergenza Sanitaria112

    Clicca qui per ulteriori informazioni

    Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.