Ai contenuti

Dr. Massimiliano Bellisario - Medico di Famiglia

Guida medica pratica

Le malattie

Mi informo sul legame tra cancro e stress

Mi informo sul legame tra cancro e stress

Nel linguaggio corrente, la parola stress designa la tensione fisica e psichica legata alle pressioni sperimentate nella vita quotidiana (responsabilità professionale, preoccupazioni finanziarie, traffico cittadino, conflitti familiari, ecc.). Lo stress può essere anche considerato una reazione agli avvenimenti della vita che mettono maggiormente alla prova (decesso, divorzio, licenziamento, trasferimento...).

Cosa può significare se ci si sente troppo stressati?

Nel linguaggio corrente, la parola stress designa la tensione fisica e psichica legata alle pressioni sperimentate nella vita quotidiana (responsabilità professionale, preoccupazioni finanziarie, traffico cittadino, conflitti familiari, ecc.). Lo stress può essere anche considerato una reazione agli avvenimenti della vita che mettono maggiormente alla prova (decesso, divorzio, licenziamento, trasferimento...).

Dal punto di vista scientifico, lo stress è la reazione naturale dell'organismo ad un'aggressione di tipo fisico, chimico o psichico. Si tratta dunque di un segnale di allarme, di una preparazione di fronte ad un pericolo potenziale. Tali fenomeni comportano reazioni ormonali, muscolari o psichiche che possono agire sulle difese naturali dell'organismo.

Lo stress può essere causa di cancro?

Numerose ricerche, in particolare nel campo del cancro al seno, hanno studiato le relazioni tra eventi vitali negativi e comparsa della malattia. Altri studi hanno analizzato l'influenza dell'ansietà, della depressione e perfino di profili specifici di personalità sull'insorgenza del cancro.

L'insieme di tali studi non ha ancora consentito di dimostrare un rapporto di causalità tra fattori psicologici e cancro.

Lo stress non può, in sé stesso, essere considerato come unica causa di un cancro. L'origine di tale malattia appare sempre più multifattoriale (associazione di vari fattori legati ambientali legati allo stile di vita e genetici). Occorre ricordare che possono passare svariati anni tra l'origine stessa del cancro (comparsa di una prima cellula cancerogena) e la diagnosi di un tumore.

Qual è l'influenza dello stress sulla comparsa e l'evoluzione del cancro?

Lo stress, l'ansia e la depressione potrebbero aumentare il rischio di cancro per il fatto che accompagnano determinati comportamenti che espongono ad agenti cancerogeni e/o potenzialmente nocivi per la salute: tabagismo, consumo d'alcol eccessivo, alimentazione squilibrata, mancanza di attività fisica...

Lo stress può comportare un abbassamento delle difese immunitarie.

Alcune sperimentazioni animali hanno dimostrato il collegamento tra lo stress e la crescita tumorale, nonché la diffusione di alcuni organi.

Negli esseri umani, è opinione accettata che il rischio di recidiva del cancro si valuta con maggior sicurezza tenendo conto dei criteri biologici (grandezza del tumore, velocità del raddoppio cellulare, numero di linfonodi colpiti, ecc.) piuttosto che sulla base di ipotetici fattori psicologici (profili di personalità, ansia, depressione, eventi vitali avversi).

Alcuni studi hanno anche parzialmente dimostrato che i malati con un profilo combattivo e un buon sostegno sociale avrebbero una sopravvivenza maggiore rispetto a quelli che si trovano nell'impotenza e nella disperazione.

Soltanto ricerche che tenessero conto dell'insieme di tutti questi parametri bio-psico-sociali potrebbero consentire di spiegare la complessità di tali fenomeni.

Che cosa si può fare per ridurre lo stress?

Cercare una spiegazione alla propria malattia può essere importante per ridare senso alla vita. È un tipo di approccio attivo. Non ci deve tuttavia colpevolizzare focalizzandosi su un avvenimento della propria vita mal gestito e che potrebbe aver innescato il cancro.

Ad ogni modo, è possibile condividere i propri quesiti e timori con l'equipe curante.

Potranno anche essere proposte tecniche di rilassamento, sostegno psicologico o un percorso psicoterapico. È assodato che tali approcci aiutano a far fronte ai trattamenti in modo più positivo: migliorano la qualità di vita e diminuiscono le complicazioni psicopatologiche.

I quesiti riguardanti gli eventuali legami tra stress e cancro sono stati oggetto di numerosi studi. Non è dimostrato, ad oggi, una relazione diretta tra lo stress e la comparsa di un cancro. L'adattamento psicologico alla malattia ed ai trattamenti ha un impatto sulla qualità della vita e forse anche sulla sopravvivenza. Solo studi rigorosi ed estremamente complessi potrebbero rispondere alla questione dell'impatto dei fattori psicologici sulla comparsa e l'evoluzione del cancro.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.

Data pubblicazione:   24/03/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Massimiliano Bellisario

Medico di Famiglia

    Numeri di assistenza e di emergenza

    Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica): 0353535

    Emergenza Sanitaria112

    Clicca qui per ulteriori informazioni

    Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.