Ai contenuti

Dr. Massimiliano Bellisario - Medico di Famiglia

Guida medica pratica

Le malattie

Ho perso 4 cm di altezza e mi hanno parlato di osteoporosi

Ho perso 4 cm di altezza e mi hanno parlato di osteoporosi

L'osteoporosi è una malattia delle ossa che provoca fragilità dello scheletro. La diagnosi precoce è importante in quanto permette di limitare le conseguenze della malattia, in particolare il rischio di fratture ossee.

Curando l'osteoporosi è possibile prevenire il rischio di fratture alle ossa.

Il rischio aumenta con l'età?

  • Sì, perché con l'invecchiamento le ossa diventano meno resistenti e meno dense.
  • Dopo la menopausa, è bene preoccuparsi sistematicamente del rischio di osteoporosi perché la caduta della produzione ormonale fragilizza le ossa.

Quali sono le conseguenze dell'osteoporosi?

  • L'osteoporosi non è una patologia dolorosa, ma fragilizza le ossa e può essere all'origine di fratture a seguito di traumi minori.
  • Si può constatare una riduzione dell'altezza. In caso di compressione (frattura vertebrale), si possono perdere da due a tre centimetri di altezza.
  • A parte la colonna vertebrale, le fratture più frequenti interessano il polso e il collo del femore.

Come posso sapere se soffro di osteoporosi prima della frattura?

  • La diagnosi di osteoporosi si fonda sull'evidenza di una diminuzione anomala della densità ossea.
  • La riduzione dell'altezza è un indicatore di questo fenomeno in atto.
  • Un'anamnesi personale o familiare di fratture senza traumi rilevanti è un'altra sentinella di allarme.
  • La radiografia della colonna non è sufficiente per ottenere una diagnosi certa, tranne in caso di frattura di una vertebra.
  • Per diagnosticare con certezza l'osteoporosi si utilizza un esame specifico che permette di misurare la densità minerale ossea o DMO. Questo esame molto semplice e indolore si chiama densitometria ossea. Il medico curante decide e propone al paziente di sottoporsi a questo esame che, in presenza di determinate indicazioni, è a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

Come posso evitare una frattura?

  • In caso di osteoporosi, si consiglia di consumare alimenti ricchi di calcio (latte, formaggio, alcune acque minerali, ecc.) Oltre alla dieta, il medico curante potrà proporre di seguire delle terapie appropriate che permettono di limitare il rischio di fratture.
  • Un buon apporto di vitamina D è inoltre consigliato per mantenere la densità ossea. La vitamina D è presente nei pesci grassi, nelle uova, nel latte e nel burro.
  • Una buona igiene di vita e un'attività fisica regolare aiutano ad aumentare la densità ossea.
  • Limitate il consumo di alcol e smettete di fumare.
  • Mantenete un peso e un indice di massa corporea normali. L'IMC (indice di massa corporea) permette di valutare il peso ideale di una persona in funzione dell'altezza e del peso. L'indice di massa corporea è valido per uomini e donne adulti (dai 18 ai 65 anni). Parlatene con il vostro medico.

Vertebra normale e vertebra compressa

Vertebra normale e vertebra compressa


Vertebra normale e vertebra compressa

L'osteoporosi provoca una perdita ossea che fragilizza le ossa esponendole al rischio di fratture. La densitometria ossea, o osteodensitometria, è l'esame di riferimento per la diagnosi.

Data pubblicazione:   20/12/11
 
 

Informazioni sullo studio

Dott. Massimiliano Bellisario

Medico di Famiglia

    Documenti correlati

    Scegliere l'attività fisica utile per l'osteoporosi

    Scegliere l'attività fisica utile per l'osteoporosi

    L'esercizio fisico è efficace per ridurre il rischio di osteoporosi. Tuttavia, alcune attività fisiche sono più consigliabili di altre.

    Leggi
    Testo
    Sono a rischio di osteoporosi

    Sono a rischio di osteoporosi

    L’osteoporosi è una malattia dello scheletro che rende le ossa fragili, quindi la sua manifestazione clinica principale, e temuta, è la frattura delle ossa. Prima che inizi a manifestarsi attraverso la frattura delle ossa, tuttavia, l'osteoporosi è spesso asintomatica.

    Leggi
    Testo

    Numeri di assistenza e di emergenza

    Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica): 0353535

    Emergenza Sanitaria112

    Clicca qui per ulteriori informazioni

    Questo sito non deve essere utilizzato in sostituzione delle visite mediche.